Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Cartoceto, celebrata la prima messa nel giorno del patrono

Dopo lo stop causato dal Coronavirus, la prima celebrazione nel Santuario della Beata Vergine delle Grazie è coincisa con il giorno del patrono San Bernardino.

San Bernardino patrono di CartocetoCARTOCETO – Una singolare ed emozionante coincidenza: mercoledì 20 maggio, festa del patrono di San Bernardino da Siena patrono del Comune di Cartoceto, è coincisa con la celebrazione della prima messa nel Santuario della Beata Vergine delle Grazie dopo lo stop dettato dal coronavirus.

Una celebrazione fortemente simbolica a cui erano presenti il sindaco Rossi, il vicesindaco Mariotti, un rappresentante dei Carabinieri Forestali del territorio, il presidente del Gruppo Comunale della Protezione Civile, il presidente della Pro Loco Cartoceto e il presidente del comitato “L’Urlo di Cartoceto” realtà da sempre legata all’organizzazione dei festeggiamenti laici in occasione della festa del patrono. Assenti ma presenti con l’anima e nella preghiera anche Don Marco Mascarucci, parroco di Lucreziai e Don Nestore, parroco di Montegiano.

A celebrare la funzione don Sandro Messina che si è unito al sindaco nei ringraziamenti alle associazioni del territorio che tanto si sono prodigate in questo periodo per prestare aiuto e collaborazione.

“Proprio nei gesti di fratellanza profusi in questo difficile periodo, – ha sottolineato don Sandro – risiede il seme prezioso che fa germogliare una comunità, dove c’è amore è lì che vive il Signore, al di là di ogni credo!”.

Riaprire la Chiesa al culto e ai credenti in un giorno come quello del Santo Patrono e in coincidenza con la ripresa delle attività, conferisce ancora maggiore pregnanza di significato all’evento.

“Un momento di grande spiritualità che deve infondere forza e speranza a tutta la nostra comunità, un modo per riunire tutti assieme nella preghiera e nell’impegno alla rinascita – ha spiegato Don Sandro – San Bernardino è il promotore della devozione a nome di Gesù, colui che ha predicato come in nessun altro c’è salvezza all’infuori del Nome di Gesù”.

Le parole di Don Sandro si uniscono quindi a quelle di Papa Francesco che, nei giorni scorsi, ha ricordato al Mondo con le sue parole quanto sia grande la fragilità umana davanti alla pandemia e come solo la devozione in Dio possa aiutare nel percorso di salvezza.

Non è poi mancato il momento toccante dedicato al ricordo di quanti non ce l’hanno fatta e hanno perso la vita a causa del coronavirus da soli e lontani dai propri affetti.

«La drammaticità di quanto accaduto, e che ancora oggi accade, a causa di questo terribile virus deve però fortificare – ha sottolineato il Sindaco nel suo saluto finale – la bontà delle cose semplici riscoperte proprio in questo periodo di distanziamento sociale e il senso del dovere e di responsabilità non esclusivamente limitato all’emotività del momento ma che ci accompagni sempre, d’ora in avanti, nella vita».

altri articoli