Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

A Terre Roveresche test sierologici per le categorie più a rischio

La misura è stata decisa dalla giunta comunale e sarà attuata dalla Fondazione Art. 32

Antonio Sebastianelli, sindaco di Terre Roveresche

TERRE ROVERESCHE – Come deliberato nell’ultima giunta svoltasi lo scorso 31 marzo, il comune sottoporrà a test sierologici le categorie maggiormente esposte al rischio contagio.

Ad effettuare i test sarà la Fondazione Art. 32 ETS di cui il comune è socio promotore. I costi saranno interamente sostenuti dal comune.

Le categorie che saranno sottoposte al test saranno in particolare: i medici di medicina generale, i Carabinieri, i farmacisti, il personale che opera all’interno della casa di riposo a Terre Roveresche, il personale del Comune di Terre Roveresche impiegato nelle attività indispensabili e più esposte al contatto con l’utenza, i volontari di Protezione Civile impiegati stabilmente nelle attività di supporto alla popolazione, il personale impiegato nei servizi di assistenza domiciliare e sanitaria, il personale impiegato nelle attività di commercio al dettaglio di prodotti alimentari.

L’obiettivo è quello di tutelare la salute degli operatori, di contenere il contagio tra la popolazione e condurre uno studio epidemiologico sulla popolazione di Terre Roveresche.

Il test permette infatti di capire l’evoluzione del virus, come si muove all’interno della popolazione e individuare chi ha sviluppato la resistenza al virus.

Secondo l’ultimo studio pubblicato su Science a metà marzo, in oltre l’80% dei casi l’infezione da COVID-19 si presenta senza sintomi o con sintomi lievissimi, ragione per la quale il virus si è diffuso così rapidamente nel mondo.

Le attività si avvarranno del contributo del Dott. Massimo Agostini (Medico Chirurgo specializzato, già Direttore della U.O. complessa di Igiene e Sanità Pubblica e Prevenzione Malattie Infettive e del Dipartimento di Prevenzione ASUR Marche AV1) che collabora con la Fondazione Art. 32 ETS.

“Tengo a precisare – afferma il Sindaco Sebastianelli – che il Comune di Terre Roveresche non vuole sostituirsi a nessuno degli organi preposti alla gestione di questa emergenza sanitaria, ma nell’esercizio delle proprie competenze di Autorità Sanitaria Locale, intende dare il suo contributo fattivo e pratico nella tutela delle persone che tutti i giorni sono esposte maggiormente al rischio del contagio. Inoltre i test vanno nella direzione di verificare da un lato l’efficacia delle misure di contenimento e contrasto al virus adottate e dall’altra di programmare le misure da attuare nell’immediato futuro”.

La giunta a deliberato lo stanziamento di 5mila euro per l’acquisto di mascherine chirurgiche che saranno distribuite dai volontari della protezione civile aller persone del comune che sono maggiormente esposte al rischio contagio.

altri articoli