Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Fanocenter Auchan

Un tour virtuale di Saltara a cura degli studenti dell’Istituto Leopardi

tour virtuale saltara studentiSALTARA- La realizzazione di un tour virtuale di Saltara con fotografie a 360 gradi arricchite da testi, immagini, audio e video: è il progetto, fortemente innovativo e di grande valenza culturale, che l’Istituto Comprensivo “Giacomo Leopardi” di Colli al Metauro ha appena avviato e che, al momento, coinvolge una trentina di studenti delle classi terze della scuola secondaria di primo grado i quali hanno modo di usufruire così gratuitamente di un interessante ampliamento dell’offerta formativa della scuola.

“L’attività spiega la vicepreside Bruna Mencarelli – è partita nel mese di dicembre ed è coordinata dalla professoressa Vittoria Paradisi, animatrice digitale dell’Istituto e referente locale per un importante sperimentazione nazionale promossa da Samsung Italia che prevede l’introduzione della realtà virtuale a scopi didattici nelle scuole e la produzione di itinerari in realtà aumentata da parte dei ragazzi, che diventano così non solo fruitori ma innanzitutto creatori di prodotti multimediali.

Tutto ciò è finalizzato all’acquisizione delle competenze chiave europee, prime fra tutte la competenza digitale e lo spirito di iniziativa ed imprenditorialità”. Attraverso l’utilizzo di una telecamera per la realizzazione di foto e video a 360 gradi, abbinata ad un visore professionale e ad un tablet fornito di app dedicate, gli alunni realizzeranno dunque un itinerario multimediale del borgo di Saltara che potrà essere utilizzato anche a scopi turistici e di promozione del territorio, come auspicato dall’Amministrazione comunale che, nella persona dell’assessore alla cultura Pietro Briganti, si dichiara entusiasta dell’iniziativa che potrebbe, negli anni successivi, crescere e coinvolgere tutti gli altri borghi storici di Colli al Metauro.

“Il nostro Istituto non è nuovo ad iniziative fortemente innovative dal punto di vista tecnologico e metodologico – ricorda l’animatrice digitale professoressa Vittoria Paradisi – Siamo ormai al sesto anno di attuazione delle cosiddette “classi digitali” in cui l’uso didattico di tablet (tramite il metodo Byod), ebook e app per la didattica è ormai una consuetudine che non ha comunque tolto nulla alle conoscenze e alle abilità dei ragazzi ma anzi le ha arricchite e rese più dinamiche e vicine alle esigenze della società odierna. Da questo punto di vista rappresentiamo un unicum a livello provinciale e un’esperienza riconosciuta e apprezzata a livello nazionale. Il progetto tour virtuale arricchisce dunque il già corposo piano delle attività all’avanguardia avviato con l’introduzione delle tecnologie, delle aule laboratorio disciplinari, degli atelier creativi e di nuove metodologie come la flipped classroom, il clil  e il debate”.

 

altri articoli