Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Serfilippi su Circolo Tennis Fano: “Ma il comune ha a cuore questo circolo e i suoi atleti?”

circolo tennis fanoFANO – Torna a far parlare il Circolo Tennis Fano, che dal 7 Giugno sarebbe privo di Energia Elettrica (le docce andrebbero avanti con un piccolo generatore) e sarebbe in completo abbandono.

Ad interessarsi della vicenda il Consigliere Comunale de La Tua Fano Luca Serfilippi, il quale tramite un’interrogazione in consiglio comunale si chiede se l’amministrazione comunale abbia davvero a cuore le sorti del circolo e dei suoi atleti.

“Che cosa intende fare l’Amministrazione Comunale dell’unico Circolo Tennis Comunale presente nella nostra città? Per quale motivo l’Assessore e il Sindaco non cercano una soluzione con il gestore per far ripartire le attività presenti nel circolo?”

Queste sono solo alcune delle domande che si pone il consigliere, visto che, oltre a 8 campi da tennis, all’interno dell’impianto è ubicato l’unico terreno di gioco che può ospitare campionati nazionali e regionali di calcio a 5, poiché Fano non avrebbe altri impianti che permettono tali manifestazioni.

Continua Serfilippi nell’interrogazione: “Il comune ha a cuore gli sportivi e gli appassionati di calcio a 5, che si vedono costretti ad andarsene a Pesaro per avere un campo di gioco all’altezza dei campionati che svolgono? Il Comune pensa di aiutare il Circolo come ha fatto con il Fano Calcio, vista la rilevanza internazionale che ha il Circolo Tennis e le migliaia di atleti che ogni anno frequentano tale struttura?

Infine conclude la nota il consigliere con una proposta concreta: “allungare la convenzione per i lavori straordinari che sono stati fatti e su cui gravano diversi mutui (visto che il nuovo regolamento allo Sport permette ciò), fare un contratto (come è stato fatto con altre società e associazioni culturali) per garantire un contributo annuale costante alla società, intervenire incoraggiando un nuovo team che presenti un piano di rilancio del circolo e che nel giro di un paio di anni sistemi i problemi finanziari della società gestrice dell’impianto.

Bisogna prendere i problemi di petto e non temporeggiare come sta facendo l’amministrazione, a danno solo ed esclusivamente degli atleti e della città.”

altri articoli