Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

La fede ai tempi del virus, l’iniziativa di don Mario a Serrungarina

Al termine di ogni messa celebrata a chiesa chiusa, porterà il santissimo sul sagrato per benedire il paese. L’invito ai fedeli ad unirsi nella preghiera dalle loro case.

parrocchia sant antonio abate serrungarinaSERRUNGARINA – Sono tante e diverse le iniziative che i sacerdoti stanno prendendo per stare vicini ai loro fedeli in questo periodo in cui, a causa del Coronavirus, i riti e le celebrazioni sono sospesi in tutte le chiese d’Italia.

Alcuni scelgono le nuove tecnologie come don Vincenzo Solazzi della parrocchia Santa Famiglia di Fano altri propongono soluzioni per pregare evitando assembramenti di persone.

Tra queste c’è anche quella che don Mario Giulietti, rettore della chiesa di Sant’Antonio di Serrungarina, ha comunicato ai fedeli con un semplice foglio fatto recapitare nella buca delle lettere.

“Carissimi – scrive don Mario alle famiglie del piccolo borgo – il momento che stiamo vivendo si è dimostrato difficile e aggressivo. Tutti siamo rimasti sorpresi e senza difese da adottare. I virologi ed i politici ci hanno delle regole: rispettiamole e osserviamole scrupolosamente per non fare del male agli altri e a noi stessi.

Ma non tutto si esaurisce qui, l’uomo di fede ha anche altre risorse, non meno importanti e certo efficaci. La fede, dice il Vangelo, sposta le montagne. Che ne dite voi, non è forse il momento di ricominciare da Dio? Di alzare le mani al cielo e chiedere aiuto al Padre nostro?”

Don Mario annuncia che nelle giornate di martedì, mercoledì, giovedì e sabato celebrerà una messa alle 17 (la domenica alle 10.30). “Ovviamente da solo – tiene a precisare -a porte chiuse, senza la presenza dei fedeli nel rispetto delle norme”.

Alla fine di ogni messa porterà il santissimo sulla porta della chiesa per impartire una solenne benedizione a tutto il paese.  “Potrete unirvi a me nella preghiera dalle vostre case. Così facendo ci sentiremo in comunione con Dio e tra di noi”.

Il sacerdote lancia anche un appello ai fedeli di Serrungarina ad invocare la Madonna.
“Ogni sera al tramonto rivolgiamoci verso il piccolo santuario della Madonna della Tomba, tanto caro a tutti noi e recitiamo insieme l’Ave Maria”.

altri articoli