Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Il comune sostiene la realizzazione di un centro di maternità in Zambia

L'iniziativa è promossa da L'Africa Chiama

centro maternita zambiaFANO – La giunta comunale ha deliberato lo scorso 30 dicembre un contributo di circa 4000 euro per supportare la realizzazione del centro di maternità a Kanyama (Zambia) interamente ideato dalla onlus fanese L’Africa Chiama.

Il progetto è stato adottato dall’amministrazione comunale che dopo averlo promosso prima di Natale con tutte le associazioni cittadine per sensibilizzarle ha deciso di contribuire per far partire di fatto la raccolta fondi nella città.

Un progetto nato per sopperire le gravi carenze del sistema sanitario zambiano ed in particolare del settore della salute materno infantile. Fatti che hanno indotto la onlus fanese ad intraprendere questo percorso finalizzato a realizzare un centro di maternità.

L’area di Kanyama è servita da un solo ospedale pubblico, che tuttavia non possiede risorse adeguate ai bisogni in diversi settori: staff, medicinali, spazi, attrezzature e risorse finanziarie. Per quanto riguarda il settore maternità l’ospedale governativo di Kanyama ospita solo 5 letti per parto ed i dati rilevati dallo stesso ospedale indicano che 9 donne su 10 partoriscono a casa, dove non possono ricevere cure e trattamenti adeguati in caso di complicazione durante le ultime 48 ore di gestazione.

A partire dall’anno 2018 l’associazione si è occupata, grazie alla preziosa collaborazione dell’architetto Chiara Piersanti, della definizione del progetto del centro di maternità in stretta concertazione con il Ministero della Salute dello Zambia che ha indicato nel dettaglio le linee guida da seguire e si è impegnato a provvedere al personale sanitario necessario (dottori, infermieri, ostetriche e ginecologo).

Il 25 luglio 2019 è stata posata la prima pietra e sono stati quindi avviati i lavori della prima fase che prevedono realizzazione di tutto lo scheletro della struttura e tetto. Questa prima fase è stata completata pochi giorni fa ed ora si procederà alla seconda (impianti elettrici, impianto idraulico, tinteggiature, servizi igienici, pavimentazione con piastrelle, infissi e rifiniture finali) per la quale occorrono circa 55mila euro.

Nello stesso lotto di terreno sono già presenti ed attivi la Clinica Shalom, a cui il centro di maternità farà riferimento, il Centro di riabilitazione fisioterapica per bambini con disabilità, la Scuola Shalom ed i suoi relativi uffici e ambienti per le attività extrascolastiche( biblioteca, orto didattico impianto sportivo ecc.).

“L’intenzione dell’amministrazione comunale – affermano l’Assessore Tinti e il sindaco Seri – è quella di adottare ogni anno un progetto di solidarietà importante a grande valenza, anche sovracomunale, che si richiami all’identità di Fano come città aperta e solidale o come in questo caso coerente con l’immagine di ‘Città delle bambine e dei bambini’”.

Per contribuire l’IBAN è IT 54 U 08519 24303 000030126897, mentre il numero di conto corrente postale è 27408053.

altri articoli