Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

“Ha vinto Eichmann?” La risposta di Maurizio Viroli

Altro appuntamento con le lezioni rettorali online dell'Università di Urbino.

maurizio viroli
Maurizio Viroli

URBINO – La conferenza del professor Maurizio Viroli, Professore Emerito di Teoria Politica alla Princeton University e Visiting Professor dell’Università di Urbino Carlo Bo, in programma per le ore 16 di lunedì 28 settembre, visibile alla pagina www.uniurb.it/live sarà particolarmente ricca di interrogativi e provocazioni, sollecitate dalla domanda “Ha vinto Eichmann?”.

Adolf Eichmann è tristemente passato alla storia come uno degli ideatori ed esecutori della “Soluzione finale” che nella Germania nazista provocò la morte di milioni di ebrei. Catturato dal Mossad nel 1960, venne impiccato in Israele il 1 giugno 1962 al termine di un celebre processo.

“Quando parlo della ‘banalità del male’, lo faccio su un piano quanto mai concreto. Eichmann non era uno Iago né un Macbeth, e nulla sarebbe stato più lontano dalla sua mentalità che “fare il cattivo” – come Riccardo III – per fredda determinazione. Eccezion fatta per la sua eccezionale diligenza nel pensare alla propria carriera, egli non aveva motivi per essere crudele, e anche quella diligenza non era, in sé, criminosa; è certo che non avrebbe mai ucciso un suo superiore per ereditarne il posto. Per dirla in parole povere, egli non capì mai che cosa stava facendo” (Hanna Arendt, La banalità del male, 1963).

“Adolf Eichmann è stato giustiziato, ma forse ha vinto” aggiunge Viroli. “È davvero sbagliato pensare che siamo circondati da milioni di persone banali che non capiscono quello che fanno?”

Il pubblico potrà intervenire sulla piattaforma online con domande e osservazioni che al termine della conferenza saranno sottoposte al professor Viroli, autore di numerosi lavori pubblicati in Italia e all’estero, tra i quali: Dialogo intorno alla Repubblica, con Norberto Bobbio (2001), Il Dio di Machiavelli e il problema morale dell’Italia (2005), L’Italia dei doveri (2008); Come se Dio ci fosse (2009). La sua opera più recente è Nazionalisti e patrioti (Laterza, 2019).

L’appuntamento successivo, alle 16 di mercoledì 30 settembre, concluderà il ciclo di Lezioni Rettorali e avrà per titolo “Dopo la Pandemia: declino o rinascita civile?”.

altri articoli