Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

A Colli al Metuaro 180mila euro per ridurre la tassa dei rifiuti

Sostegno per ridurre l'impatto della tassa dei rifiuti su famiglie e attività commerciali.

Emanuela Primavera, assessore al Bilancio del comune di Colli al Metauro

COLLI AL METAURO – L’assessore al bilancio Emanuela Primavera comunica che nel Consiglio comunale del 30 giugno in cui il Comune di Colli al Metauro è chiamato ad approvare le Tariffe della Tassa Rifiuti per l’anno 2021, verranno stanziati 85.000 euro per ridurre le tariffe di tutte le utenze domestiche e non, a fronte dei maggiori costi del Piano Economico Finanziario della tassa rifiuti degli anni 2020 e 2021.

Ulteriori 95.000 euro saranno invece destinati alle agevolazioni per le utenze non domestiche che in questi due anni di pandemia, sono state maggiormente colpite dalla crisi economica.

La riduzione va dall’80% della tariffa variabile per le categorie più colpite (palestre, dancing…), al 65% per le utenze soggette a chiusure e/o limitazioni di attività (bar, ristoranti, negozi, parrucchieri ed estetisti…) e al 50% per le utenze che dimostrino una riduzione di fatturato del 30% rispetto al periodo pre-pandemia.

Le richieste per la riduzione del 50% dovranno essere presentate entro il 30/09/2021, mentre per le riduzioni dell’80% e del 65%,  saranno ammesse d’ufficio in base ai dati già in possesso dall’Ente.

“Un aiuto concreto che si aggiunge agli interventi già attivati nell’anno 2020 – afferma l’assessore Primavera – dove sono state concesse agevolazioni e contributi alle attività commerciali per oltre € 150.000.  Nelle prossime settimane – continua l’assessore Primavera – sarà pubblicato un ulteriore bando a sostegno delle attività economiche a valere sulle risorse non utilizzate nell’anno 2020 per oltre € 20.000”.

“Ulteriori interventi a favore delle famiglie più colpite dagli effetti della crisi economica, – conclude l’assessore al bilancio Emanuela Primavera – saranno predisposte a cura dei Servizi Sociali dell’Ente anche a fronte delle somme stanziate dallo Stato nel Decreto Sostegni – bis”.

altri articoli