Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Esposizione Filiera biologica marche

Puliamo il mondo fa tappa al Bosco del Beato Sante

beato sante boscoMOMBAROCCIO – Puliamo, camminiamo, impariamo. Con questo slogan bene a mente torna, domenica  21 ottobre a Mombaroccio “Puliamo il mondo”, la storica iniziativa di volontariato ambientale, ideata da Legambiente, per ripulire insieme, muniti di sacchi e guanti, angoli naturalistici dei nostri territori.

La meta torna ad essere il bosco che circonda il convento francescano del Beato Sante di Mombaroccio e che da questo prende il nome. Oltre che al rispetto della natura, la pulizia di quei sentieri e ambienti boschivi  è un momento di sensibilizzazione sui temi dell’ambiente e vuole coinvolgere soprattutto i più piccoli, ma non solo.

L’iniziativa è organizzata dal Comitato per la difesa dei diritti dei cittadini e la salvaguardia del territorio onlus, con il circolo Legambiente “Il Ragusello” di Pesaro, il patrocinio del Comune di Mombaroccio, la collaborazione di Marche Multiservizi, CSV Marche e altri.

Il raduno è alle 14,30 nel piazzale retrostante il convento. Dopo un momento di gioco è prevista l’attività di pulizia su tre aree del bosco, con ritorno entro le 16,30 per la differenziazione del materiale raccolto. Chiude il pomeriggio la merenda offerta dai ristoratori locali. La manifestazione è supportata da Marche Multiservizi per la fornitura di guanti e sacchi per la raccolta dei rifiuti, contenitori per la differenziata, l’indispensabile presenza dei tecnici per i controlli e le spiegazioni necessarie.

Come ogni anno protagonisti attivi del pomeriggio sono gli studenti della scuola primaria di Mombaroccio che, in preparazione all’iniziativa, hanno già incontrato insieme ai genitori i rappresentanti del Comitato promotore, l’educatore ambientale e un delegato dell’azienda Multiservizi. Ai ragazzi è stata spiegata l’importanza di rendersi “custodi” del bosco, e più in generale di contribuire a migliorare l’ambiente e il territorio, attraverso piccoli accorgimenti quotidiani. La disponibilità e la collaborazione delle maestre hanno dato l’opportunità di trasmettere con efficacia il messaggio, dando vita ad un percorso didattico costruttivo seguito dagli allievi con entusiasmo e divertimento.

 

altri articoli