Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Il Giornale del Metauro

Olimpiadi di Italiano 2019, Andrea Codignoli (Istituto Della Rovere) ancora in finale

E' l'unico studente della Provincia di Pesaro e Urbino a partecipare alla competizione

olimpiadi_italiano_andrea_codignoli
Andrea Codignoli

URBANIA – Per il terzo anno consecutivo l’Istituto Omnicomprensivo “Della Rovere” torna piacevolmente a far parlare di sé in occasione delle Olimpiadi di italiano.

Questa volta il più olimpionico è Andrea Codignoli, alunno di Fermignano che frequenta il 4 anno del corso Manutenzione Assistenza Tecnica ad Urbania. Per lui, a dire il vero, non è una novità e che fosse bravo lo aveva già dimostrato due anni fa quando era finito in finale, come quest’anno, a Torino.

E nella ex capitale sabauda, Andrea si recherà dal 4 al 6 aprile per disputare la gara nazionale. La sua qualificazione appare tanto più prestigiosa se si considera che è l’unico alunno qualificatosi in tutta la provincia di Pesaro-Urbino e, con una liceale di Senigallia, in tutte le Marche. Lui, ovviamente, è contento. Sa che la competizione che lo attende sarà di alto livello ma parte determinato.

Le Olimpiadi di italiano è un progetto ministeriale che nasce per promuovere le eccellenze; i quesiti a cui i ragazzi sono sottoposti sono di grammatica, sintassi, lessico, logica. Quest’anno i ragazzi che disputavano la semifinale erano 1780; provenivano da tutte le regioni di Italia, persino dall’estero. Andrea frequenta un corso professionale ma questo non gli ha impedito di replicare il successo del 2017 a dimostrazione del fatto che le eccellenze albergano in tutte le scuole.

Al “Della Rovere” di Urbania sono tutti orgogliosi di lui. La docente Albertucci Marta, da anni referente del progetto, sostiene che le Olimpiadi sono un’occasione per i ragazzi di mettersi alla prova ed è assolutamente convinta che la preparazione, la motivazione e la determinazione dei ragazzi siano gli ingredienti vincenti. Andare in finale un volta è difficile perché la competizione è notevole, andarci due volte è un successo straordinario. In bocca al lupo, Andrea! Tieni alto il nome della tua scuola, come hai sempre fatto.

altri articoli