Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Morani: “Il PD Marche sceglie di autoconservarsi. Una situazione imbarazzante!”

L’attacco della deputata Alessia Morani ai vertici del Partito Democratico Marche all’indomani dell’assemblea regionale.

alessia morani ceriscioliANCONA – “Ieri si è tenuta l’assemblea del PD delle Marche dopo ben 3 mesi dalle elezioni regionali e comunali in cui siamo stati rovinosamente sconfitti e dopo una raccolta di firme per richiederne la convocazione”.

Inizia così un duro post della deputata del Partito Democratico Alessia Morani e sottosegretario allo Sviluppo Economico nei confronti dei rappresentanti del suo stesso partito nelle Marche.

“La risposta del segretario del PD delle Marche alla sonora bocciatura dell’elettorato – continua la Morani – è stata la seguente: ‘Sono dimissionario ma non mi dimetto, non bisogna cambiare niente nel partito, il segretario regionale e la sua segreteria vanno confermati perché non hanno responsabilità nella sconfitta poiché la responsabilità è di tutti’.

In conclusione, la responsabilità non è di nessuno. Mai vista una cosa simile.

In qualunque partito dopo una colossale sconfitta elettorale come quella subita a settembre, come minimo, chi ha responsabilità politiche si dimette, fa spazio ad altri come hanno fatto, tra l’altro, tutti i segretari nazionali del Pd da Veltroni a Renzi dopo elezioni andate male.

Nelle Marche, invece, si continua come se niente fosse.

Il gruppo dirigente ha scelto con un voto a larga maggioranza di autoconservarsi fino al prossimo congresso (che non è dato sapere quando si farà).

La loro proposta rivoluzionaria di cambiamento è stata di allargare a qualche ingresso nuovo in segreteria regionale. Semplicemente imbarazzante: è un po’ come pensare di chiudere un buco di 3 metri di diametro con un cerotto.

Qualcuno potrebbe obbiettare che la decisione è stata presa con un voto dell’assemblea. Verissimo e legale (conforme alle regole). C’è, però, un problema: il voto che occorre tenere in considerazione è quello delle elezioni di settembre che dice che questo gruppo dirigente deve andare a casa.

Alla fine della storia l’unico che si è assunto una responsabilità è il presidente uscente Ceriscioli.

Gli altri, invece, rimangono tutti al loro posto, anzi, rilanciano proponendosi come traghettatori di questa nuova fase, dopo avere consapevolmente guidato la barca verso la tempesta e il naufragio. Hanno anche il coraggio di chiamarla “fase costituente”.

Invece di spalancare le porte del partito alla partecipazione qui si sceglie la totale chiusura a chi chiede un cambiamento.

I nostri militanti ed elettori meritano rispetto – conclude la Morani – e questa scelta è completamente in contrasto con la forte richiesta di discontinuità che ci hanno urlato in faccia con il voto a settembre. Si deve, però, sapere che non siamo tutti uguali nel Pd delle Marche e che c’è chi non si arrende a questa situazione allucinante.

Siamo, comunque, solo all’inizio della nostra battaglia politica e non molliamo di un millimetro. Il tempo è galantuomo, sempre!”

altri articoli