Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Luigi Gallo è il nuovo direttore della Galleria Nazionale delle Marche

Soddisfazione da parte del sindaco Gambini che sarà felice di accoglierlo in città. Un grazie anche al direttore uscente Marco Pierini.

Ad Urbino, riaprono per la visita i torricini di Palazzo DucaleURBINO  – Luigi Gallo è il nuovo direttore della Galleria Nazionale delle Marche. E’ questo il risultato del bando internazionale emesso dal Ministero dei Beni Culturali.

Luigi Gallo è quindi il nuovo direttore della Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, come si apprende dal comunicato stampa del Ministero. Queste le parole usate per descrivere Gallo: “Curatore presso le Scuderie del Quirinale, storico dell’arte. Di elevato livello professionale e scientifico vanta una pluriennale esperienza di alta qualità nell’ambito della ricerca storico artistica e un’esperienza internazionale nel settore delle mostre con marcata attenzione alla ricerca”.

Il Sindaco di Urbino Maurizio Gambini appresa la notizia ha così commentato: «Apprendo con piacere della nomina del nuovo direttore della Galleria Nazionale e del Polo Museale delle Marche».

«Non lo conosco ancora personalmente – continua il Sindaco –, ma ho avuto modo di salutarlo al telefono. Ho letto che ha una formazione di eccellenza e un curriculum ricco di esperienze in Italia e all’estero, tra cui spicca quella alle Scuderie del Quirinale dove ha anche seguito la grande mostra su Raffaello.

Sono rimasto molto colpito dall’entusiasmo con cui ha accolto la nomina: sono certo che questa è una buona base di partenza per fare un ottimo lavoro. Come sempre l’Amministrazione comunale sarà disponibile a intessere un rapporto di dialogo e di collaborazione per il bene del museo e di tutta la città.

Ringrazio Marco Pierini – conclude il Sindaco – che ha ricoperto ad interim la direzione della Galleria, per la competenza e professionalità con cui in questi ultimi mesi ha traghettato la delicata fase di passaggio. Sarò felice di accogliere in città appena possibile il nuovo direttore Gallo».

altri articoli