Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

“L’ospedale di Urbino si trasformi in struttura per malati Covid”

Attualmente la struttura è classificata come no-Covid ma 120 dei 128 ricoverati sono malati di coronavirus. Tra le ipotesi anche quella di riaprire Cagli e Sassocorvaro per i non contagiati

tac mobile urbinoURBINO – L’appello alla regione da parte del Partito Democratico di Urbino e dell’Alta Val Metauro di trasformare l’ospedale di rete in struttura Covid

“Come riportato dal Direttore Medico Dott. Cani, i numeri dei pazienti ospedalizzati colpiti dal Coronavirus sono ingenti, pari a 100 persone su 128 ricoverati, evidenziando tutta la criticità della situazione, che coinvolge tutta la logistica distributiva, partendo dal Pronto Soccorso destinato al primo screening, fino ai reparti individuati ad ospitarli, con grosse difficoltà derivanti da un cronico sottodimensionamento del personale a disposizione, già più volte evidenziato, ma che oggi viene maggiormente depotenziato per effetto dei contagi a cui sono stati soggetti e che li ha costretti alla quarantena.

In questa situazione e vista la determina del Direttore di Area Vasta, è chiaro che anche la Regione come chiesto da più parti, dovrà rivedere il piano di definizione dei presidi distinguendoli tra quelli Covid e no-Covid, quest’ultimo ad oggi attribuito erroneamente all’ospedale di Urbino.

Tutto ciò non è soltanto una mera classificazione, ma su tale definizione verranno distribuiti gli ausili e il personale necessario a far fronte all’emergenza a cui sono sottoposte le strutture, pertanto occorre che Urbino per concreta necessità, rientri tra quelle classificate COVID, per poi poter usufruire delle necessarie integrazioni in particolare del personale medico e infermieristico.

Occorreranno ulteriori sforzi per garantire dentro il nostro ospedale dei percorsi puliti indipendenti. Anche se allo stato attuale si sono messi in sicurezza vari reparti, avendo proceduto con l’accorpamento della chirurgia con l’ortopedia per garantire le urgenze, così per la cardiologia che si è spostata in pediatria e l’ostetricia che si è da subito attivata per garantire alle donne della nostra provincia e non solo, di partorire in sicurezza e con tutte le cure le attenzioni che da sempre caratterizza tutto il personale del punto nascita.

Occorrerà anche affrontare il tema, non secondario del controllo della malattia, occorre intervenire già dalle prime fasi di essa, verificando con l’esame del tampone la presenza del virus per poi cercare di controllare il più possibile la sua progressione direttamente da casa.

Vanno evitati, per quanto possibile, progressioni pericolose che poi portano velocemente alla terapia intensiva. E’ chiaro che per fare ciò risultano strategiche le risorse umane da mettere in campo.

Data la vastità del territorio trattato e le numerose persone che fanno riferimento all’ospedale di Urbino, provenienti in questo momento critico anche dalla costa, urge necessità di proteggere le persone ospedalizzate per patologie no-Covid, per tale ragione sta avanzando l’ipotesi di riapertura delle strutture di Cagli e Sassocorvaro sulla scia di Fossombrone, destinandole ad accogliere persone non contagiate.

Riteniamo che la richiesta di istituire Unità Operative Temporanee di Pronto Soccorso No Covid sui due plessi citati, possa essere accettata solo se vengono rispettate due condizioni essenziali, quali l’impossibilità di ricevere persone potenzialmente infette da Coronavirus, e che non si generi un indebolimento dell’ospedale di rete per effetto di possibili trasferimenti verso queste strutture.

Occorre analizzare a fondo la possibilità, anche non manifesta, di ricoverare persone che possono manifestare poi il contagio da Covid-19, dato che in queste strutture sono presenti centri di assistenza sanitaria (RSA) e di riabilitazione normalmente frequentati da persone anziane, se ciò avvenisse, il rischio di compromettere lo spazio pulito con effetti nefasti sui degenti ospitati sarebbe molto alto, rafforzata anche dall’assenza di impiantistica che permetterebbe di isolare i reparti tra loro secondo uno schema di contenimento.

A conclusione di ciò, ribadiamo la necessità che l’ospedale di Urbino, al pari degli altri della provincia, sia oggetto di una corretta ridistribuzione di risorse che vadano a supportare le profonde criticità ormai palesemente manifeste, nella salvaguardia dei pazienti ricoverati e nella tutela di tutto il personale coinvolto. Il nostro ringraziamento è per tutti gli operatori a tutti i livelli, in particolare per quelli in campo, ma anche per quelli che devono fare scelte strategiche, le quali determineranno poi ricadute concrete sulle persone”.

altri articoli