Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Il ricordo di Sergio Guerra a un anno dalla scomparsa

I colleghi dell’ateneo feltresco lo ricordano dedicandogli due incontri

sergio guerra anniversario
Sergio Guerra (foto di Roberto Vecchiarelli)

URBINO – Era il 30 marzo 2020. Dopo settimane di lotta contro il Covid-19, il professor Sergio Guerra, docente di letteratura e cultura inglese all’Università di Urbino, si spegneva a 64 anni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Jesi.

A un anno da quel tragico giorno, i colleghi dell’ateneo feltresco lo ricordano dedicandogli due incontri:

Giovedì 25 marzo, alle ore 18, sulla pagina facebook della casa editrice Aras di Fano (https://www.facebook.com/edizioniaras) le curatrici Alessandra Calanchi e Ya-fang Chang presentano il volume Cultura Futura. Saggi di Sergio Guerra 2003-2020, edizione Aras 2021. Intervengono le prof.sse Anna Maria Medici (Università di Urbino) e Daniela Guardamagna (Università di Roma 2 Tor Vergata). Il volume raccoglie gran parte della produzione saggistica di Sergio Guerra, studioso di teoria postcoloniale e studi culturali, icona della docenza pop nel senso più profondo del termine. Il volume va ad aggiungersi ai due libri pubblicati da Aras, Figli della diaspora. Romanzo e multiculturalità nella Gran Bretagna contemporanea (2014) e Il potere della cultura: origini, evoluzione e diffusione dei (British) cultural studies (2017), completando la trilogia ideale che Guerra stava scrivendo.

Da Mike Leigh a Timothy Mo, da Sherlock Holmes a Blair fino alla Brexit, lo sguardo lucido dell’autore indaga e problematizza personaggi, movimenti e tendenze del nostro tempo, restituendoci una realtà poliedrica e polifonica che non cede mai allo stereotipo o al pregiudizio. Cultura futura è una promessa per le nuove generazioni, ed è anche un ponte ideale fra il Fondo Sergio Guerra, cioè la biblioteca donata dagli eredi all’Università, e la Summer School in Studi Culturali, che da quest’anno porta il suo nome e che è l’espressione più tangibile della sua metodologia di studio e di ricerca.

Martedì 30 marzo alle ore 21, sulla pagina facebook di Ventura Edizioni (https://www.facebook.com/Venturaedizioni) e anche su Youtu.be, Alessandra Calanchi e Roberto Vecchiarelli presentano il romanzo di Sergio Guerra Non doveva essere amore. Da Pesaro a Melbourne via Los Angeles. Scritto in inglese di ritorno dall’Australia e ora tradotto in italiano da Alessandra Calanchi per l’editrice Ventura di Senigallia, il romanzo narra la “vita avventurosa e sorniona di un musicista e intellettuale pesarese con cittadinanza australiana”. Nel volume è stato inserito anche il manoscritto originale dell’autore. Esiste anche una versione in ebook, solo in inglese, per gli amici di tutto il mondo.

I due eventi testimoniano la vitalità di uno studioso poliedrico, dalla mente aperta e dal grande cuore. Sulle note della sua chitarra ripercorreremo i passaggi principali sia della sua vita sia dei suoi studi, cercando di ritrovare nelle sue parole la sua grande saggezza, la sua empatia, la sua lucidità ideologica la sua umanità.

altri articoli