Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Marius presentazione libro Memo Fano

Il mito dell’Appia antica nel volume di Nunzio Giustozzi

appia antica giustozzi nunzioMONTE VIDON CORRADO (FM) – Venerdì 31 agosto alle ore 21 si tiene il terzo incontro della rassegna “Incontri d’Arte”, organizzata dal Centro Studi Osvaldo Licini  in collaborazione con il Comune di Monte Vidon Corrado, si terrà sul terrazzo panoramico di Monte Vidon Corrado e avrà come protagonista  Nunzio Giustozzi, archeologo e storico dell’arte, curatore di mostre, saggi, cataloghi e del manuale di storia dell’arte della Hoepli, coordinatore scientifico delle edizioni Electa e componente del direttivo del Centro Studi Licini.

Dopo aver approfondito lo scorso anno la storia del Colosseo come fonte di ispirazione per l’arte di tutti i tempi, Giustozzi torna con il nuovo libro al quale ha collaborato come autore dedicato all’Appia antica. “Appia Self-Portrait. Il mito dell’Appia nella fotografia d’autore, pubblicato quest’anno da Electa, è curato da Rita Paris e vede tra gli autori oltre a Giustozzi  anche Bartolomeo Mazzotta e Ilaria Sgarbozza.

Il volume, che si intitola come il celebre autoritratto di Milton Gendel, accompagna una mostra sul mito dell’Appia Antica nella fotografia d’autore presso il restaurato Casale di Santa Maria Nova, proprio sulla regina viarum dunque e nei luoghi della Campagna Romana che hanno esercitato nei secoli un’irresistibile malìa su artisti e letterati. Diversi saggi illustrati affrontano il rapporto tra la tradizione pittorica e la fotografia delle origini, la nascita della fotografia archeologica e documentaria, lo sguardo dei fotografi contemporanei e l’Appia come scenario privilegiato del grande cinema italiano e straniero. Segue un ricco album visivo che comprende gli scatti più celebri delle maggiori firme dall’Ottocento ai giorni nostri e qualche più recente inedito, accostati in significative consonanze.

In caso di maltempo l’incontro si terrà al Teatro Comunale. Al termine sarà possibile visitare la mostra “Emilio Isgrò – lettere” nella Casa Museo Licini e al Centro Studi che tanto successo sta avendo di critica e di pubblico.

altri articoli