Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Ex-ospedale di Fossombrone, il Sindaco Bonci fa il punto della situazione

bonci sindaco fossombroneFOSSOMBRONE – “Anche quest’anno sta volando via ed è ormai agli sgoccioli, è tempo quindi di bilanci anche per quel che riguarda l’attività che abbiamo portato avanti nel 2019.

Un’attività incessante, a volte frustrante visto che l’impegno è tanto ed i risultati non sempre sono quelli attesi, sicuramente logorante sia per noi che per quelli cui continuamente ci rivolgiamo, cioè dirigenti, medici, tecnici, ma abbiamo ormai capito che l’unico modo per ottenere risultati concreti è quello di insistere, insistere, insistere.

SERVIZIO ENDOSCOPIA E COLONSCOPIA

Partirei da una situazione particolarmente complessa che riguarda il servizio di endoscopia e colonscopia.

Negli anni abbiamo effettuato diverse donazioni per questo reparto, tramite la BCC del METAURO che ringraziamo anche in questa occasione per la generosità e la sensibilità sempre dimostrata.

Grazie anche a queste donazioni, oltre alla consueta attività diplomatica, eravamo riusciti ad ottenere un aumento delle prestazioni, passando da una sola volta a due o tre sedute a settimana a settimane alterne.

Come ormai noto sono imminenti i lavori di ampliamento dell’hospice, tanto attesi e necessari, che però coinvolgono, dal punto di vista strutturale, gli spazi utilizzati finora dall’equipe di endoscopia, che gioco forza ha dovuto sospendere momentaneamente l’attività.

Siamo però in costante pressing sui dirigenti e sui tecnici affinché i lavori, che coinvolgono anche le sale operatorie, vengano iniziati e soprattutto portati a termine il prima possibile, in modo da ripristinare la situazione precedente.

Ci trovano in disaccordo alcune dichiarazioni uscite sui giornali, alcune troppo catastrofiche, altre troppo trionfalistiche, da parte di soggetti che evidentemente cercano di ottenere notorietà, ignorando, sminuendo o addirittura complicando a volte il nostro lavoro fatto sul campo.

SERVIZIO DI DIAGNOSTICA

Per quel che riguarda la diagnostica è stato implementata la mammografia con 3 sedute a settimana per lo screening.

Grazie anche al nuovo primario di Urbino, di recente nomina, che abbiamo più volte incontrato e che ringraziamo per la disponibilità e gli impegni assunti, dal nuovo anno il reparto sarà operativo dal lunedì al sabato per risonanza (attualmente operativa per 4 sedute a settimana) ecografia, radiologia, tac senza e con contrasto     (per la quale è però necessaria la presenza dell’anestesista), tutto questo grazie all’implementazione di medici e tecnici che stanno portando a termine.

Per lo stesso reparto abbiamo ottenuto una nuova consolle di refertazione con microfono che ha ridotto i tempi e migliorato la qualità dei referti.

IL LABORATORIO DI CITOLOGIA

Nel corso dell’anno abbiamo anche ottenuto l’attivazione del laboratorio di citologia a livello provinciale per lo screening dei tumori uterini.

I POLIAMBULATORI

Per i poliambulatori abbiamo fatto sì che venisse installata una nuova poltrona odontoiatrica di ultima generazione al posto di quella che c’era ormai obsoleta e mal funzionante ed un nuovo implemenziometro (ovvero campana del suono)  per l’otorinolaringoiatra.

Sempre per quel che riguarda i poliambulatori abbiamo fatto ripartire le sedute settimanali del psichiatra che avevano sospeso, stiamo lavorando per aumentare le prestazione dell’endocrinologo/diabetologo.

I POSTI LETTO PROMESSI…

Non tutti i risultati sono stati però ottenuti. Ad esempio ci eravamo mossi in primavera per far sì che la riduzione estiva dei posti di cure intermedie fosse meno lunga come durata o riguardasse un numero inferiore di posti letto, ma senza esito. Ci siamo già mossi, sia col personale che coi sindacati, per cercare di ottenere questo risultato il prossimo anno.

Siamo altresì consapevoli che le esigenze per i nostri concittadini sono ben altre, ad esempio è ormai arcinota la battaglia per ottenere gli ormai famosi venti posti di lungodegenza ospedalieri e l’attivazione del servizio di day-surgery (in convenzione con Marche Nord), come da impegni presi e sottoscritti dalla precedente giunta regionale, poi vergognosamente scomparsi, o meglio sostituiti con 20 posti letto di cure intermedie, col risultato che ad oggi non ci sono né gli uni né gli altri.

Su questo punto non arretreremo di un centimetro, non solo noi ma l’intera città di Fossombrone e l’intero consiglio comunale, vista anche la recente mozione approvata all’unanimità.

Con questo comunicato non vogliamo certo auto incensarci o ottenere consensi, è semplicemente un resoconto di quello che si è fatto, poco o tanto dipende dai punti di vista, sicuramente il massimo che siamo riusciti ad ottenere con un impegno quasi quotidiano.

Noi preferiamo la pratica alla teoria, le battaglie politiche ed ideologiche sono sicuramente altrettanto importanti, ma dobbiamo anche puntare ad ottenere risultati concreti ed immediati a beneficio dei nostri concittadini.

Infine un doveroso saluto e ringraziamento a due figure che hanno lavorato finora presso il nostro ospedale con grande professionalità, dedizione ed entusiasmo, e che ci lasciano per motivi diversi: ci riferiamo al Dott. Olivieri della radiologia, che ha chiesto il trasferimento presso altra azienda ospedaliera, ed al Dott. Marchi, anestesista della terapia del dolore, che ha raggiunto il meritato traguardo della pensione.

Buone feste e soprattutto tanta salute a tutti”.

altri articoli