Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Marius presentazione libro Memo Fano

Domeniche di carta, una occasione per visitare gli archivi statali

Aperture straordinarie degli Archivi di Stato di Pesaro, Fano e Urbino

domenica di carta 2018PESARO – Domenica 14 ottobre torna l’apertura straordinaria di Biblioteche e gli Archivi statali, “Domenica di Carta” è promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali per valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche, ma anche i monumenti di carta, patrimonio altrettanto imponente e ricco, conservato e valorizzato in splendidi luoghi della cultura. Una giornata, regolata da orari e modalità differenti, interamente dedicata alle bellezze letterarie.

Queste le iniziative nella provincia di Pesaro e Urbino.
L’Archivio di stato di Pesaro Urbino presenta per il 5° anno consecutivo una mostra artistico-documentaria dal titolo “Al di sopra degli stagni, al di sopra delle valli. Il brigantaggio dai documenti della Storia al linguaggio dell’Arte” nella convinzione che il dialogo tra arte e storia possa essere un efficace stimolo di conoscenza e di riflessione. Tra gli eventi caratterizzanti il panorama del nascente Stato italiano c’è il fenomeno del brigantaggio, presente in larga parte nel territorio meridionale e attivo nell’Urbinate fra il 1860 e 1862 con la Banda Grossi, una formazione di briganti capitanata da Terenzio Grossi che, insieme ad un manipolo di persone, rapina e terrorizza genti e paesi della provincia di Pesaro Urbino.
L’Archivio di Stato, per questa occasione, espone al pubblico gli atti processuali relativi alla Banda Grossi e la celebre sentenza del 1864, insieme ad altri atti – processi, bandi ed editti, carteggio delle autorità di Governo e di polizia – riconducibili al fenomeno del brigantaggio nel secolo XIX. Al linguaggio dell’arte è affidato il compito di raccontare personaggi e storie conosciute per lo più attraverso la memoria.  Adele Lo Feudo, artista cosentina trapiantata a Perugia, da anni sensibile al tema del recupero dei valori del passato, si è occupata del brigantaggio realizzando una serie di opere tra pittura e scultura con i ritratti di briganti, miniature di brigantesse, eroi negativi del sud come Carmine Crocco e Filomena Pennacchio. Il suo ricercato lavoro rappresenta il tentativo di guardare al fenomeno del brigantaggio come a un movimento di libertà e di riscatto sociale. In mostra un suggestivo, abile ritratto ispirato a Terenzio Grossi, un inedito che Adele Lo Feudo ha realizzato dopo avere visto il film “La banda Grossi” del regista Claudio Ripalti, uscito di recente nelle sale cinematografiche, si investe della responsabilità di un racconto tra mito, pathos e denuncia.
Con una diversa formula il pittore pesarese Massimo Giovanelli racconta le vicende della Banda Grossi tra lo stile naif e l’illustrazione dei libri per ragazzi. Venti opere, ora acquisite dalla galleria di Palazzo Montani Antaldi in Pesaro, che descrivono frammenti di storia del territorio con una sostanziale fedeltà storica e con la libertà della fantasia creatrice. Una “Rapina a mano armata a casa Guidarelli, verso Monte Olivo, luglio 1861” per il racconto, con dovizia di particolari, di una notte di terrore. Una “Cena del giudice mandamentale di Cagli alla parrocchia di Montescatto, agosto 1861”, un dipinto che ha l’inquadratura di un film neorealista, “Cartoceto di Pergola, confronto notturno tra carabinieri e guardie nazionali notte sul 17 ottobre 1861”, “Convento di San Giovanni, Pesaro processo ai superstiti della banda Grossi, giugno 1864”.
Una carrellata di immagini che rievocano le gesta dei briganti condotte a Montefabbri, Isola di Fano, al passo del Furlo, sant’Ippolito e Fossombrone, Mombaroccio, Gallo, Pesaro, tutti territori della provincia di Pesaro Urbino. Di Massimo Giovanelli, le cui opere sono presenti al Museo delle Arti Naif “ Cesare Zavattini” di Luzzara (RE), saranno in mostra due opere inedite. L’attesa per un evento che è insieme storia locale, storia d’Italia, storia dell’arte. La mostra inaugura Domenica 14 ottobre alle ore 17.30 e prosegue fino al 3 novembre, visitabile negli orari di apertura dell’Archvio.

L’archivio di Stato sezione di Urbino in via Piano Santa Lucia rimarrà aperto dalle ore 8 alle ore 12. Anche la sezione di Fano dell’Archivio Storico sarà aperto dalle ore 8 alle ore 12 con visite guidate ai fondi archivistici.

altri articoli