Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Coronavirus, a Terre Roveresche il comune stanzia 120mila euro per imprese e famiglie

Il dettaglio delle misure straordinarie deliberate dalla giunta per imprese e famiglie

antonio sebastianelli terre roveresche
Andotnio Sebastianelli, sindaco di Terre Roveresche

TERRE ROVERESCHE – La giunta comunale ha deliberato misure straordinarie a sostegno di operatori economici e famiglie con lo staziamento di un fondo straordinario di 120mila euro.Una misura simile è stata adottata nei giorni scorsi dal comune di Colli al Metauro.

“Quello che stiamo vivendo in questi giorni è una emergenza nuova nelle modalità e senza precedenti e pertanto l’Amministrazione Comunale di Terre Roveresche – come afferma il Sindaco Antonio Sebastianelli – ha deciso misure straordinarie ed eccezionali.

L’emergenza in atto e le disposizioni decise dal Governo e dalla Regione per fronteggiare il Coronavirus hanno e stanno avendo un impatto significativo su famiglie e su tanti operatori economici che devono sospendere le proprie attività lavorative.

In attesa quindi delle misure che metterà in campo il Governo, la Giunta Comunale ha deciso di costituire un fondo di 120.000 euro che servirà per sostenere in questo particolare momento e successivamente favorire la ripresa del contesto socio-economico del Comune di Terre Roveresche, con particolare attenzione alle famiglie e agli operatori economici.

LE MISURE A FAVORE DELLE IMPRESE

Ai titolari delle attività che sono state sospese dal DPCM del 11.03.2020 e ai titolari delle attività che decidono la sospensione volontaria della propria attività (in questo caso, tale decisione va comunicata al Comune di Terre Roveresche utilizzando il relativo modulo) verrà concessa:

A) la riduzione del 75% di quanto dovuto per la TARI (se dovuta) per l’anno d’imposta 2020,

B) un contributo, in misura da definire sulla base degli aventi diritto, finalizzata alla riduzione del pagamento IMU sui locali destinati alle attività,

C) un contributo, in misura da definire sulla base degli aventi diritto, sul pagamento dei canoni di locazione degli immobili destinati alle attività.

Le misure b e c non sono cumulabili tra loro.

LE MISURE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

Per quanto riguarda le famiglie che usufruiscono dei servizi di trasporto scolastico del centro dell’infanzia, queste verranno esentate dal pagamento (ovvero verranno rimborsate nel caso in cui la relativa quota sia stata già pagata dall’utenza) della retta del trasporto scolastico e della retta del centro dell’infanzia entrambe maturate dalla data di sospensione di tutti i servizi educativi e scolastici disposta con ordinanza del Presidente della Giunta Regionale delle Marche n. 1 del 25.02.2020 (cioè dal 26.02.2020) e fino alla rispesa degli servizi stessi.

Nei prossimi giorni sul sito del Comune le famiglie e gli operatori economici saranno pubblicate ulteriori informazioni per accedere ai benefici suddetti.

“Abbiamo deciso – continua il Sindaco – di mettere in campo queste misure straordinarie a sostegno del nostro territorio, misure che non sono semplici sospensioni di tasse o tributi o del pagamento delle rette dei servizi bensì sono esenzioni e quindi non vanno pagati.

Per la nostra parte e per le competenze che spettano al Comune, stiamo facendo e faremo tutto quello che è necessario, con decisione e velocità, per sostenere la nostra comunità.

In questo momento, abbiamo messo a disposizione € 120.000,00 e se fosse necessario siamo pronti ad incrementare le risorse”.

altri articoli