Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Bonus sociale idrico integrativo per le famiglie in difficoltà

L'iniziativa è stata presa dal Comune di Pesaro. Il bando online da inizi maggio.

bonus sociale idrico integrativoPESARO – In arrivo la conferma del bonus sociale idrico integrativo, a sostegno delle famiglie in difficoltà. Un’ulteriore agevolazione messa in campo dal Comune di Pesaro che consente ai cittadini a basso reddito e ai nuclei numerosi di ottenere uno sconto sulla bolletta.

Il bonus sarà riconosciuto direttamente dall’Ente gestore Marche Multiservizi SPA, in deduzione all’importo delle bollette per consumi idrici, e verrà applicato a chi rientra nei criteri stabiliti approvanti questa mattina dalla Giunta comunale.

“Lo scopo è quello di assicurare misure di tutela ulteriori in favore degli utenti in condizioni di vulnerabilità economica – spiegano l’assessore alla Solidarietà Sara Mengucci e il presidente di Marche Multiservizi Antonello Delle Noci -. È indispensabile favorire l’accesso universale all’acqua, garantendo la fornitura a condizioni agevolate della quantità necessaria per soddisfare i fabbisogni dei nuclei familiari.

Si tratta di un aiuto, dato a chi si trova in condizioni di disagio economico sociale, accentuato dall’emergenza Coronavirus che sta colpendo tutto il nostro Paese”.

Il bando verrà pubblicato con decorrenza a partire dai primi giorni di maggio, nella pagina del Comune di Pesaro, sezione “Amministrazione trasparente”.


REQUISITI PER L’ACCESSO
  • Essere residenti nel Comune di Pesaro da almeno un anno, alla data di pubblicazione del bando.
  • Avere cittadinanza italiana o europea (cittadino extracomunitario regolarmente soggiornante nel territorio nazionale)
  • Essere titolare del contratto per l’utenza di fornitura idrica domestica residente (fatturata da Marche Multiservizi) personalmente e/o a nome di uno dei componenti nel nucleo familiare ISEE richiedente (la residenza anagrafica dell’intestatario del contratto deve coincidere con l’indirizzo di fornitura del contratto stesso)
  • Essere titolare di fornitura domestica residenziale individuale in utenze aggregate (condominiali); l’indirizzo di residenza anagrafica del richiedente (intestatario personalmente e/o uno dei componenti il suo nucleo familiare ISEE) deve essere riconducibile all’indirizzo di fornitura dell’utenza aggregata/condominiale presso l’indirizzo di fornitura.
  • Avere un’ISEE rientrante nei seguenti parametri:
    1^ fascia: integrazione al BONUS IDRICO – parametri ARERA
    Valore ISEE non superiore a 8.265,00 euro / Valori ISEE non superiori a 20.000,00 euro per nuclei con almeno 4 figli a carico ai fini Irpef
    2^ fascia: BONUS IDRICO INTEGRATIVO – parametri comunali
    Valore ISEE superiore a 8.265,00 euro, fino a 15.000,00 euro per nuclei di almeno 3 persone

VALORE DEL BONUS IDRICO INTEGRATIVO

Il bonus è di 100,00 euro per nucleo familiare autorizzabile, solo una volta nell’arco di un anno, e riconosciuto ad un solo contratto di fornitura. Come si legge nella delibera di Giunta:
– 100,00 euro per i nuclei di 1^ fascia, cumulabile con bonus idrico nazionale
– 100,00 euro per i nuclei di 2^ fascia


MODALITA’ DI FORMULAZIONE DELLA GRADUATORIA ED EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

L’Amministrazione procederà alla formulazione di una graduatoria, in ordine crescente di valore ISEE, assegnando per ogni fascia le seguenti priorità:

  • Valore ISEE più basso
  • Nuclei familiari più numerosi
  • Nuclei familiari con maggior numero di minori

Il bonus idrico integrativo verrà assegnato fino ad esaurimento delle risorse messe a disposizione dall’Ente gestore Marche Multiservizi, ad oggi 34.320,00 euro, ma il fondo sarà incrementato con un’ulteriore cifra da parte di MMS a seguito dell’approvazione del bilancio 2019 della società.

Verrà data priorità ai nuclei della 1^ fascia, solo successivamente si procederà all’erogazione dei contributi residui alle famiglie in 2^ fascia.

Il bonus idrico integrato sarà riconosciuto da MMS in deduzione all’importo delle bollette che verranno emesse dopo l’approvazione degli aventi diritto

altri articoli