Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Esposizione Filiera biologica marche

46° Incontro Polifonico “Città di Fano”, il programma completo

incontro_polifonico_fano_filippine
Imusicapella (Imus City – Filippine)

FANO – Fino al 7 settembre si svolge la 46° edizione dell’Incontro Internazionale Polifonico “Città di Fano”. Per due settimane – viene infatti riproposto il periodo esteso come due anni fa – musica corale di grande qualità verrà offerta a cittadini e turisti, contribuendo così ad arricchire l’offerta culturale della città di Fano in questa seconda ed ultima parte della calda estate 2019. Quarantasei anni di storia racchiusi in un festival che riesce a coniugare insieme tradizione ed innovazione, grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, e in particolar modo dell’Assessorato alla Cultura e ai Beni Culturali, alla passione del Coro Polifonico Malatestiano, che da sempre ne cura l’organizzazione, e all’accoglienza della città di Fano diventata ormai tratto distintivo sempre più riconosciuto ed apprezzato.

Gli spettacoli principali, tutti ad ingresso libero, sono previsti sempre per le ore 21.15, ad eccezione di sabato 7 settembre dove le performance saranno suddivise in tre fasce principali: mattino, ore 11.30; pomeriggio, dalle 16.30 fino alle 20.00 circa; sera, ore 21.15. Previsti anche altri concerti pomeridiani presso P.zza XX Settembre, Chiesa di San Silvestro e Cortile di Palazzo de’ Pili (Casarredo) nelle giornate di domenica 25 e lunedì 26 agosto, nonché lunedì 2 e giovedì 5 settembre, sempre alle ore 18.00, più la tavola rotonda “Voci in vetrina”, sabato 31 agosto alle 18.00, sempre a Palazzo de’ Pili.

PROGRAMMA DEL FESTIVAL

Domenica 25 agosto
Pinacoteca San Domenico, ore 21.15
Il concerto inaugurale del festival vedrà l’esibizione di uno dei migliori ensemble vocali presenti nel panorama corale mondiale, Imusicapella (Imus City – Filippine). Questo gruppo asiatico, diretto dal Maestro Tristan Caliston Ignacio, sarà a Fano di ritorno dallo European Grand Prix for Choral Singing che quest’anno si terrà ad Arezzo, il 24 agosto, nell’ambito del 67° Concorso Polifonico Internazionale “Guido d’Arezzo”. Con la partecipazione a questa rinomata competizione corale l’ensemble concorrerà, insieme ad altri cori, i vincitori assoluti dei sei più importanti concorsi internazionali di canto corale (Varna, Tolosa, Debrecen, Arezzo, Tours e Maribor – Imusicapella accedono come vincitori di ben due di questi concorsi), ad aggiudicarsi il titolo di miglior coro a livello mondiale. Per la città di Fano sarà quindi un grande onore poter ascoltare questo eccellente gruppo. Il concerto intende dare anche il benvenuto agli allievi direttori della 10ª Accademia Europea per Direttori di Coro e alla direttrice Virginia Bono che a partire da lunedì 26, fino a sabato 31 agosto, saranno impegnati nella masterclass di direzione corale presso la Chiesa di Sant’Arcangelo;

Lunedì 26 agosto
Basilica di San Paterniano, ore 21.15
Ospite di questa serata il gruppo UT Insieme Vocale Consonante (Arezzo – Italia). Questo pluripremiato ensemble vocale italiano – vincitore nel 2016 dello European Grand Prix for Choral Singing – proporrà, sotto la direzione del Maestro Lorenzo Donati, un interessante concerto dal titolo “Sogni e visioni di e attorno a Leonardo”. Il progetto, pensato per celebrare il quinto centenario della scomparsa del grande maestro e genio toscano, è stato presentato quest’anno ad Amboise, in Francia, città dove è morto Leonardo e dove sono ancora custodite le sue spoglie. Qui a Fano il progetto, che prevede anche diverse composizioni appositamente scritte dal Maestro Donati, intende rendere omaggio alla mostra, recentemente inaugurata, “Leonardo e Vitruvio: oltre il cerchio e il quadrato. Alla ricerca dell’armonia. I leggendari disegni del Codice Atlantico”, fiore all’occhiello delle proposte culturali della città di Fano per questo 2019.

incontro_polifonico_fano_arcova
Arcova Vocal Ensemble (Aosta)

Martedì 27 agosto
Basilica di San Paterniano, ore 21.15
Ancora una serata alla Basilica del santo patrono, la location storica e certamente più rappresentativa del festival. Sarà nuovamente un coro italiano ad essere protagonista: l’Arcova Vocal Ensemble (Aosta – Italia). Il gruppo, composto da giovani musicisti valdostani provenienti da diverse realtà corali regionali e diretto dal Maestro Nicola Forlin, ha già all’attivo diversi concerti in Italia e all’estero. Il coro presenterà una selezione delle sue migliori interpretazioni spaziando dalla polifonia classica a quella contemporanea scritta anche da giovanissimi compositori;

Giovedì 29 agosto
Pinacoteca San Domenico, ore 21.15
Sarà la volta del coro organizzatore del Festival che, con questa serata, intende omaggiare la 10ª Accademia Europea per Direttori di Coro e le scelte musicali da essa intraprese. Il Coro Polifonico Malatestiano ed il Giovanile Malatestiano (Fano – Italia), diretti dal Maestro Francesco Santini, insieme ad un ensemble strumentale (Andrés Langer al pianoforte, Cesar Rivero al charango e alla chitarra, Marco Zanotti alle percussioni) e alla voce solista del tenore Maximiliano Baños, proporranno un concerto dedicato alla musica sudamericana. Dopo una prima parte solistica e strumentale, il concerto vedrà l’esecuzione della celebre Misa Criolla del compositore argentino Ariel Ramírez;

Venerdì 30 agosto
Chiesa di Santa Maria del Gonfalone, ore 21.15
Prima volta del festival alla Chiesa di Santa Maria del Gonfalone da poco inaugurata dopo un lungo periodo di restauro e gentilmente concessa dalla Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola. In questa splendida cornice si esibirà nuovamente il coro UT Insieme Vocale Consonante (Arezzo – Italia). Il gruppo madrigalistico dell’Associazione Vocale UT, sempre sotto la direzione di Lorenzo Donati, proporrà l’ascolto della celebre opera di Adriano Banchieri, Festino nella sera del giovedì grasso. Un’occasione unica per ascoltare questa perla della tradizione madrigalistica italiana.

Sabato 31 agosto
Chiesa di Santa Maria del Gonfalone, ore 21.15
Con questa serata, sempre alla chiesa del Gonfalone, si chiude la lunga serie di appuntamenti della prima settimana del festival e lo si fa alla grande, con il concerto finale della 10ª Accademia Europea per Direttori di Coro. Il concerto, che rappresenta anche la conclusione delle lezioni tenute nel corso della settimana, sarà diretto dai migliori allievi della masterclass e ad eseguirlo sarà il coro laboratorio espressamente costituito per l’Accademia attraverso selezione di esperti cantori provenienti da alcuni dei migliori cori italiani. La musica corale latino-americana sarà la protagonista della serata;

incontro_polifonico_fano_apollos
Apollo5 (Londra)

Venerdì 6 settembre
Basilica di San Paterniano, ore 21.15
I concerti serali della seconda settimana del festival ripartono nuovamente da San Paterniano con l’esibizione degli ensemble vocali Accademia dei Dissennati (Monte San Giusto – Italia) e Apollo5 (Londra – Inghilterra).
Il primo gruppo, nato nell’ambito della classe di canto rinascimentale e barocco del conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo, si è specializzato nello studio di repertorio sacro e profano dal XV al XVII secolo, con  particolare attenzione al Madrigale, genere che proporrà proprio in questo concerto. Il secondo, invece, è un ensemble inglese che sta riscuotendo enorme successo a livello internazionale, con consenso unanime e giudizi straordinari da parte di pubblico e critica. Durante questa esibizione il gruppo presenterà il suo ultimo album O Radiant Dawn;

Sabato 7 settembre
Dopo la felice esperienza dello scorso anno che ha visto l’arrivo a Fano di numerosi cori da diverse regioni italiane per una giornata all’insegna del canto, anche in questa edizione viene riproposta la stessa idea, modificata ed ampliata. Verranno offerti assaggi musicali e concerti in tutto l’arco della giornata, a partire dal mattino fino a sera, secondo questo schema:

FANO S’IN…CANTA Voci per la città, centro storico, ore 11.30 – a partire dalla tarda mattinata di sabato 7 numerosi cori si muoveranno per vie e piazze del centro storico a proporre canti festosi in mezzo alla gente che generalmente affolla il sabato mattina fanese. Tanti piccoli flash mob, per la gioia di residenti e turisti. Gli stessi cori saranno poi impegnati in diversi concerti pomeridiani;

incontro_polifonico_fano_ad_maiora
Coro Ad Maiora (Bologna)

CUM CANTU POPULORUM UNIO, centro storico, ore 16.30 – pomeriggio intenso con diversi concerti in tutto il centro storico, tra chiese, chiostri, cortili e piazze. A partire dalle 16.30 prenderà il via una serie di esibizioni corali in numerosi luoghi, dai più caratteristici e rappresentativi a quelli meno noti: chiesa di Sant’Arcangelo (16.30), sagrato del Duomo (16.50), chiesa di San Pietro in Episcopio (17.10), cortile di Palazzo de’ Pili (17.30), chiesa di San Silvestro (17.50), chiesa di Santa Maria del Gonfalone (18.10), chiostro delle Benedettine (18.30), Fontana della Fortuna (18.50). 8 cori provenienti da Marche, Abruzzo, Toscana e Veneto si alterneranno in queste location (Coro Ad Maiora, Bologna; Glissando Vocal Ensemble, Urbisaglia; Coro Gamut, Pescara; Eidos Vocal Ensemble, Pesaro; Ensemble Filomela, Verona; Fano Gospel Choir, Fano; Euphonios Vocal Ensemble, Prato; Coro Giovanile Malatestiano, Fano). Intorno alle 19.30, una volta concluse tutte le esibizioni, i cori ospiti e il Coro Polifonico Malatestiano si riuniranno in Piazza XX Settembre per cantare alcuni brani comuni e concludere tutti insieme questa prima parte della giornata;

CONCERTO FINALE, Pinacoteca San Domenico, ore 21.15 – concerto conclusivo del Festival con gli ensemble vocali Filomela (Verona – Italia) e Apollo5 (Londra – Inghilterra). Entrambe le compagini regaleranno una serata all’insegna del repertorio profano, la prima concentrandosi su brani del periodo classico della polifonia, la seconda facendo un excursus stilistico di brani dedicati al tema dell’Amore nelle sue diverse forme, con particolare predilezione per autori contemporanei riarrangiati appositamente per questo gruppo;

UN MARE DI C(U)ORI, primo festival corale dell’Adriatico – L’Incontro, a partire da quest’anno, avvierà una sinergia con altri cori italiani per esportare così il Festival anche fuori Fano. Volendo conferire a questo evento una diffusione ancora più ampia ed essendo Fano città della costa adriatica, altri cori, lungo tale traiettoria, hanno accettato di organizzare concerti in simultanea con il Festival (sabato 7 settembre, appunto), quasi a disegnare un’ideale linea canora che abbraccia l’Adriatico: una “rotta” immaginaria che possa unire Fano ed altre città in nome della musica e del bel canto. Un progetto diffuso, nell’intento che manifestazioni come questa possano essere condivise anche senza trovarsi nello stesso luogo, nell’ottica che tale festival possa creare e sviluppare sempre più una rete di collaborazioni in tutto il territorio nazionale nell’intento di migliorarsi e diffondersi.

L’incontro Internazionale Polifonico “Città di Fano”, oltre agli importanti eventi appena descritti, propone anche una serie di interessanti appuntamenti, cosiddetti “collaterali”, che hanno l’intento di ampliare l’offerta musicale e proporre programmi quanto mai vari. Nella sezione INCONTRI DI NOTE Assaggi musicali per la Città troveranno spazio i seguenti concerti pomeridiani, tenuti da giovani musicisti:

Domenica 25 agosto, ore 18.00 Piazza XX Settembre Imusicapella (Filippine)
Lunedì 26 agosto, ore 18.00 Chiesa di Sant’Arcangelo Progetto “Scritto & Cantato” in collaborazione con l’Associazione Vocale Ut
Lunedì 2 settembre, ore 18.00 Cortile di Palazzo de’ Pili (Casarredo) Concerto degli allievi della Scuola di Musica “R. Bramucci” dell’A.Ge.
Giovedì 5 settembre, ore 18.00 Cortile di Palazzo de’ Pili (Casarredo) Concerto di Riccardo Maria Ricci (pianoforte)

Prevista anche la consueta tavola rotonda “Voci in Vetrina”, momento di approfondimento su temi legati alla coralità in generale. Quest’anno l’appuntamento si terrà sabato 31 agosto alle ore 18.00, sempre presso il Cortile di Palazzo de’ Pili e il tema sarà “Cosa si deve insegnare a un direttore di coro”. Interverranno esperti del settore quali Virginia Bono, Matteo Valbusa e Lorenzo Donati.

altri articoli