Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Tennis Team Fano, intervista a Giovanni Valchera

L'esperienza di un tecnico nazionale alle prese con i giovani atleti

tennis_team_fanoFANO – Per la rubrica “La voce dello sport” Simone D’Andrea ha intervistato Giovanni Valchera, tecnico nazionale presso il “ Tennis Team Fano” in via Lucio Domizio Aureliano.
Come si è avvicinato al tennis?
Ho preso per la prima volta una racchetta in mano da bambino e, ammirando le gesta di mio padre, mi sono appassionato a questa disciplina.
Da quanti anni vive di questo sport?
Tanti. Sono quasi quaranta quattro anni che mi diverto in questo gioco.
Nella sua carriera quali sono i momenti da ricordare?
Come atleta sicuramente tanti, sia da ragazzo a livello nazionale ed europeo sia da adulto in serie B. Da allenatore sono tante le soddisfazioni che ricordo volentieri.
Come cerca di far crescere i suoi giovani?
Il primo aspetto è l’educazione sportiva, segue la parte tecnica e la parte fisico atletica. Un altro concetto su cui lavoro molto con i miei ragazzi è la dimensione psicologica che in questo sport è un elemento fondamentale.
Quanti iscritti avete?
Alla scuola tennis abbiamo circa quaranta bambini che seguo insieme a Nicola Gasparella, mentre come associati al club siamo all’incirca cento.
Da che età ci si può iscrivere?
Si possono iniziare a seguire dei corsi già da cinque anni. Tanti dei nostri iscritti sono giovanissimi. Per il tennis non c’è limite di età, tra i nostri atleti ne abbiamo uno di settantadue anni.
Partecipate a tornei?
Facciamo amichevoli con altri circoli; dal punto di vista agonistico partecipiamo a degli incontri presso un circolo con il quale collaboriamo che è il “ Tennis Club Janus” a Fabriano.
Qual’è la soddisfazione maggiore per un allenatore?
A mio parere trasmettere la passione per questa disciplina. Vedere la voglia dei ragazzi di arrivare prima alla lezione per prendere in mano la racchetta e iniziare a giocare mi riempie d’orgoglio.
Quali sono i requisiti per un bravo, piccolo tennista?
La predisposizione all’impegno è il requisito principale per chi si affaccia a questa disciplina.
altri articoli