Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Lettera del comitato al ministro: “Revochi il Decreto Balduzzi!”

Chiesta la revoca del Decreto Balduzzi a cui la Regione si è appellata per i tagli sanitari degli ultimi anni.

carlo-ruggeri-comitato-pro-ospedali-pubbliciFOSSOMBRONE – Il Comitato Pro Ospedali pubblici ha scritto una lettera indirizzata al Ministro della Salute Roberto Speranza chiedendo la revoca del Decreto Balduzzi che ha motivato i tagli sanitari degli ultimi anni nella regione Marche. Di seguito il testo completo.

“Egr.Sig.Ministro della Sanità
Roberto SPERANZA

le elezioni nella Regione Marche sono state perse nettamente dalla coalizione di Centro-Sinistra principalmente per il disastro politico/organizzativo creato sulla sanità.

Il Governatore scadente Luca Ceriscioli (PD) aveva impostato cocciutamente la sua linea sul baricentrismo ospedaliero, con lo smantellamento di ospedali di media dimensione, con la chiusura degli ospedali di prossimità e con l’inizio delle privatizzazioni di ospedali pubblici, adombrando una medicina territoriale senza ospedali di prossimità (confermati chiusi), accoppiata ad un deleterio concentramento Ospedaliero in un solo nuovo ospedale d’Area Vasta ed ambulatori sparsi.

La popolazione marchigiana, ben cosciente di ciò, è esplosa in una protesta elettorale storica, affossando ogni speranza di “recupero” degli errori tragici compiuti dal Governatore uscente, anche con annunci di riapertura di ospedali, da parte della sinistra, e di ritornare indietro ai gravi errori compiuti.

La popolazione marchigiana non ha pià creduto a costoro ed ha dato il segnale chiaro che vuole, invece, una sanità ospedaliera equilibrata e diffusa in tutto il territorio, con un Ospedale di eccellenza di notevole qualità, già presente del Capoluogo Regionale, con il potenziamento degli Ospedali Medio/grandi già esistenti, e con la riapertura dei 13 ospedali chiusi dalla Giunta di Centro-sinistra nel 2015.

Operazione, quest’ultima che è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso del disastro sanitario marchigiano. La scusa dello smantellamento degli ospedali esistenti e delle drammatiche chiusure degli ospedali nel 2015, e stata quella dell’adeguamento alle normative del cosiddetto decreto Balduzzi n.158 del 2013.

La popolazione marchigiana, con il suo voto, ha dimostrato che tale Decreto lo vuole revocato, e sostituito con un nuovo decreto che renda la sanità più equilibrata, pubblica ed indiscriminante, tornando pressoché alla linea di eccellente qualità sanitaria, donata al popolo italiano dalla Ministro Tina Anselmi con la legge 833/1978, con una grande operazione di giustizia sociale.

Sig. Ministro, Le ribadiamo che la sanità, così come è ora nelle Marche, è nel caos e nelle disfunzioni diffuse inaccettabili, e che non si può pensare ad una Medicina territoriale, che pur deve essere perfezionata e potenziata, senza la presenza, in parallelo ed in supporto vitale, degli Ospedali di Prossimità che debbono servire da filtro agli Ospedali più grandi, che non siano mai Ospedali Unici Provinciali o Nuovi Ospedali di “Area Vasta” (che sono di fatto la stessa cosa!).

La preghiamo, quindi, Sig. Ministro Speranza di provvedere alla revoca immediata del cosiddetto Decreto Balduzzi del 2013, poi rivisto dalla Ministro Lorenzin nel 2015, e ritornare sui passi della grande Ministro Tina Anselmi. Evitando, così, le ulteriori inevitabili reazioni negative del Popolo Marchigiano ed Italiano”.

altri articoli