Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Fano Rugby alla ricerca della vittoria, ancora ultima in classifica

Dopo una gara dominata, la beffa arriva all’ultimo minuto. Dopo quattro giornate la squadra fanese è ultima nel girone E di serie C1

fano rugby ultima in classificaFANO – La prima vittoria in campionato sembra essere una maledizione per il Fano Rugby che raccoglie assolutamente meno di quanto semini. Anche ieri al Falcone-Borsellino i ragazzi del tandem Walter Colaiacomo e Franco Tonelli non sono riusciti a sbloccare il numero 0 alla casella “partite vinte” nonostante i presupposti ci fossero tutti e la mole di gioco prodotta sia stata più che soddisfacente.

La quarta giornata del campionato di C1 (girone E) fa registrare un 23-30 contro la Polisportiva Abruzzo e il commento di Walter Colaiacomo spiega alla perfezione l’andamento del match e la voglia di reagire che si respira nell’ambiente: “Abbiamo dominato il primo tempo – spiega –, esprimendo un grande gioco fatto di azioni corali bellissime che ci ha portato a condurre per 20-10. L’espulsione di Michele Primavera ad inizio ripresa ci ha pregiudicato una vittoria che sembrava netta ma nonostante l’inferiorità numerica e la reazione ospite, abbiamo provato fino alla fine a fare bottino pieno riuscendo anche a riportarci avanti sul 23-20. Nel finale purtroppo la Polisportiva Abruzzo è riuscita a trovare il piazzato e la meta decisiva, ma questo non deve scoraggiarci perché anche questa volta abbiamo dato una gran prova di forza e prima o poi le vittorie verranno, è inevitabile”.

La cronaca del match, già ampiamente anticipata da Colaiacomo, ha visto partire forte il Fano Rugby, avanti per 10-0 al ventesimo del primo tempo grazie al calcio di punizione e alla meta (trasformata) di Alessandro Gasparini. Lo stesso Gasparini si ripete al 31esimo (punizione) e al 40esimo (meta + trasformazione) portando lo score fanese a 20, nel mezzo un piazzato e una meta abruzzese per il 20-10 dell’intervello.

Come detto dal tecnico di Segni poi, Fano costretto a giocare in 14 contro 15 per quasi tutto il secondo tempo a causa della dubbia espulsione di Michele Primavera, ma nonostante questo i rossoblù, spinti anche ieri da un folto pubblico, non tirano assolutamente i remi in barca reagendo all’assalto ospite (20-20 al ventesimo) e portandosi sul 23-20 grazie al drop di Marco Martinelli. Un’altra punizione della Pol.Abruzzo porta le squadre a giocarsi tutto nei minuti finali dove gli ospiti sono bravi e fortunati a trovare la zampata vincente del definitivo 23-30.

Al Fano va comunque un punto per aver perso con meno di 7 punti di scarto, una magra consolazione che porta i ragazzi del presidente Brunacci a quota 2, sempre ultimi in classifica a 2 punti dal Gran Sasso e a 7 dal San Benedetto che domenica prossima ospiterà i fanesi per l’ultima giornata d’andata.

altri articoli