Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Il fanese Pallucca alla guida della Nazionale senior di bocce

Giuseppe Pallucca CT FIB bocceFANO – Prestigioso incarico federale per il plurititolato campione di bocce Giuseppe Pallucca, appena nominato Commissario Tecnico Nazionale Senior della FIB, la Federazione Italiana Bocce.

Pallucca, 50 anni, origini laziali ma fanese d’adozione, nel corso della sua lunga carriera sportiva ha raggiunto i massimi risultati nella specialità raffa: 7 volte campione italiano (di specialità nel 1985, 2000 e 2004 e a squadre nel 1995 – 1996 – 2001 – 2002), 2 volte campione europeo (1998 e 2000) e campione mondiale nel 2001.

Pallucca, che ha avuto l’onore di indossare la maglia azzurra e vincere in numerosi tornei nazionali e internazionali (Brasile, Canada, Stati Uniti e Croazia), ha lasciato l’attività agonistica nel 2006 all’apice della sua carriera dopo 26 anni di impegno e soddisfazione sportiva, concentrandosi nella formazione degli atleti junior e mettendo al servizio le sue capacità tecniche come allenatore di club. Con il rinnovo dei vertici federali, alla scadenza del quadriennio olimpico, ha ricevuto la nomina a CT della nazionale senior FIB: il primo appuntamento ufficiale con gli Azzurri delle bocce è in programma dal 20 al 25 luglio per i World Games in Polonia.

«Ringrazio i vertici federali per la fiducia accordata – dice il CT- e, come è sempre stato nella mia carriera sportiva, il mio impegno sarà massimo per centrare gli obiettivi. Tra quelli personali mi piacerebbe anche essere sprone affinché tanti giovani si avvicinino ai sani valori di questo sport, assai conosciuto fra gli over, ma molto meno tra i ragazzi».

Pallucca ha scoperto casualmente il mondo delle bocce nel 1980, grazie al padre che lo portò con sé alla bocciofila dove si allenava. «Come la maggior parte dei bambini – ricorda – all’epoca praticavo il calcio. Ma il passaggio da una sfera più grande lanciata con i piedi, a una sfera più piccola da lanciare con precisione con le mani, non fu difficile. Anzi, fin da subito dimostrai una buona attitudine per questa disciplina, poi affinata con tanta passione e allenamento. Nelle Marche, terra di grande tradizione sportiva nelle bocce, ho poi trovato le condizioni ideali per esaltare il mio talento».

altri articoli