Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Il Giornale del Metauro

Confesercenti: “Centro storico di Fano, emergenza prioritaria!”

tiziano_pettinelli_confesercenti_fano_centro_storicoFANO – “Ben due furti subiti dai commercianti del centro storico di Fano in una stessa notte: oltre alla solidarietà nei confronti degli operatori, ci sentiamo di esprimere anche una profonda amarezza per la situazione nella quale si trova il centro cittadino – afferma Tiziano Pettinelli, direttore Confesercenti Fano (foto) –  La sensazione è quella di un progressivo svuotamento, di una mancanza di attenzione a livello di decoro urbano, gestione del verde, illuminazione.

Abbiamo lanciato più volte allarmi inascoltati sulla difficoltà degli esercizi di sostenere affitti  troppo alti, sui rapidi e continui turn over delle attività commerciali, sui troppi negozi chiusi e sfitti, alcuni da parecchio tempo, anche nelle vie principali e nella piazza.

Le vetrine spente e le saracinesche abbassate sono un presidio di sicurezza che viene meno, spazi bui e senza socialità che, se non curati, sono destinati al degrado. In questo modo si crea un circolo vizioso per il quale l’area si svaluta e diventa sempre meno appetibile da un punto di vista commerciale.

Non possiamo permettercelo – continua Pettinelli – il centro storico è una delle principali risorse della città e come va tutelato e valorizzato. Le idee ci sono e le priorità sono chiare: affitti calmierati e agevolazioni fiscali per gli operatori, riutilizzo dei negozi sfitti come vetrine promozionali per la città, riqualificazione di spazi pubblici e arredo urbano.

Si parta da qui, perché un centro storico più vivo è un centro storico più sicuro. A questo si aggiungano agevolazioni per l’acquisto di telecamere di sicurezza da parte dei negozi e potenziamento di quelle pubbliche, una maggiore presenza delle forze dell’ordine, anche nelle ore notturne, a presidio del territorio e come deterrente per la criminalità e, infine, la collaborazione di tutti nel segnalare episodi o presenze sospette”.

Chiediamo – conclude Pettinelli – che la questione del centro storico sia prioritaria nell’agenda del futuro sindaco, perché il problema si sta trasformando in emergenza”.

altri articoli