Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Il Giornale del Metauro

Come sta il cavalcaferrovia di via Montegrappa a Pesaro?

La risposta dei tecnici comunali sulla situazione del ponte

cavalcaferrovia_aPESARO – Si tratta di uno dei ponti più importanti per la città: è il cavalcaferrovia di via Montegrappa che collega il centro storico da piazzale Lazzarini al zona Miralfiore verso i nuovi quartieri. Il ponte presenta evidenti segni di deterioramento per questo abbiamo interpellato il comune di Pesaro al fine di conoscere lo stato di salute di questa opera strategica per la viabilità cittadina..

cavalcaferrovia_4I tecnici del comune ci hanno confermato che il comune effettua delle verifiche periodiche sui ponti sia attraverso una ditta specializzata che attraverso proprio personale. I risultati vengono poi raccolti ed analizzati per capire dove intervenire compatibilmente con le risorse di bilancio.

cavalcaferrovia_1Il cavalcaferrovia in questione è stato costruito negli anni ’70 e oggi gli elementi maggiormente danneggiati a causa delle piogge sono le parti laterali delle travi e le testate dei pilastri “mentre le travi portanti risultano essere in buono stato di conservazione”

Per capire il vero stato di salute del ponte, l’opera è stata inserita nel programma delle opere pubbliche del 2018 con uno stanziamento di 300mila euro per il risanamento dei calcestruzzi.

cavalcaferrovia_2“Nel mese di novembre 2018 – ci dice Mauro Santinelli del servizio manutenzione del Comune di Pesaro – è stata individuata la società di ingegneria L.A.I.R.A S.R.L., con sede a Padova che sta provvedendo a redigere il progetto e a breve inizieranno le prove sui materiali e le prove di carico sul ponte per determinare la reale capacità statica e sismica.

cavalcaferrovia_3Al fine comunque di garantire la circolazione in sicurezza – continua Santinelli – in attesa di effettuare le prove e i lavori di risanamento, il comune sta valutando una riduzione del massimo peso ammissibile di circolazione. In questo modo si attuerebbe una riduzione dei carichi gravanti sul ponte in termini di quantità e di carico complessivo circolante in favore di sicurezza”.

altri articoli