Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Carignano, il borgo si mobilita per salvare la chiesa

Avviata una raccolta fondi per il restauro e la riapertura della chiesa del paese sulle colline fanesi.

chiesa carignanoFANO – Un video emozionale che descrive lo stato di degrado della chiesa del borgo. Le voci di alcuni carignanesi che vogliono salvarla perché rappresenta il centro della comunità.

Per questo si è costituito un gruppo “Noi da Carignano” che dal 29 gennaio ha dato il via alla raccolta fondi.

“Carignano, un borgo antichissimo all’estrema periferia di Fano; non solo parte di un quartiere, forse lasciato a se stesso da troppo tempo, ma un luogo che ha segnato parte importante della storia della nostra città.

Negli anni il paese ha però accusato un abbandono graduale con conseguente decadimento strutturale dei complessi abitativi e strutturali, ma il tempo non è riuscito a debellare il senso di comunità e appartenenza che lo rende unico e particolare.

Da oltre un anno si è attivato un nuovo processo di aggregazione grazie alle varie iniziative promosse dal paese ed al crescente desiderio di rivederlo tornare a rinnovate luce e vitalità.

Le istituzioni locali, Sindaco e Vescovo, si sono lasciate coinvolgere fin da subito accettando di compartecipare a questo progetto di recupero del borgo e i fatti lo dimostrano.

La chiesa, che rappresenta il centro vitale di queste località tipiche del nostro entroterra, ha subìto un cedimento strutturale manifestato con crepe particolarmente profonde tali da indurre alla chiusura della struttura stessa per inagibilità.

Il Vescovo Mons. A.Trasarti e gli uffici preposti, sollecitati dal parroco don Giuseppe Tintori, hanno provveduto ad avviare i principali interventi di ristrutturazione già dallo scorso dicembre.

Ovviamente le opere e gli interventi necessari sono tanti e di natura diversa, per cui la cittadinanza si è attivata con una raccolta fondi che ora si vuole allargare ed aprire anche utilizzando canali più idonei e facilmente raggiungibili.

A tale scopo, il borgo si è animato in maniera piuttosto curiosa. Idee, aggregazione e divertimento hanno portato a realizzare un video-spot con cui Alessandro Uguccioni, piacevolmente coinvolto nel progetto, è riuscito ad esprimere al meglio il vero carattere identificativo dei Carignanesi.

Con questo video sarà lanciata la raccolta fondi, che sarà attiva dal29 gennaio in due modalità: bonifico diretto alla Parrocchia di Fenile/Carignano e tramite un crowfunding veicolato su Facebook sulla pagina “Noi da Carignano”, aperta da un gruppo di volenterosi che cerca da tempo di portare avanti il progetto di salvaguardia e recupero di tutto il borgo e che è sempre aperto a nuove collaborazioni.

Il patrimonio storico, culturale e paesaggistico che Carignano vanta merita un’attenzione particolare in quanto lo rende unico e di strategica importanza per la citta di Fano. La sua valorizzazione potrà trasformarlo in un luogo ideale per vivere in una dimensione relazionale tipica del passato ma carica di futuro, tanto più ora che anche tutta l’area termale sottostante si è conquistata l’attenzione dovuta”.

altri articoli