Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Allevatori preoccupati per le sorti del mattatoio di Schieppe

Coldiretti Pesaro: "Ci sono 100mila euro di contributo regionale per l'ammodernamento della struttura"

mattatoio schieppe terre roverescheTERRE ROVERESCHE – Ancora pochi giorni per trovare una soluzione che scongiuri la chiusura del mattatoio di Schieppe.

C’è preoccupazione tra gli allevatori della provincia di Pesaro Urbino per le sorti della struttura situata a Terre Roveresche per la quale il Comune di Colli al Metauro (proprietario insieme al Comune di Fano) ha emesso un nuovo bando: domande da consegnare entro venerdì 19 giugno per una concessione di 10 anni.

La cooperativa di macellatori che ha gestito finora, tuttavia, esprime dubbi circa i vincoli previsti dal bando e il mattatoio, che avrebbe bisogno di importanti investimenti per ammodernare l’impiantistica e ristrutturare l’edificio, rischia davvero di non riaprire più.

Un danno notevole per oltre 200 allevatori del territorio che, in caso di chiusura, sarebbero costretti a rivolgersi altrove con un insostenibile aggravio di costi.

È aperto un bando della Regione Marche – fanno notare da Coldiretti Pesaro Urbino – che rappresenta un’opportunità da non perdere, in quanto prevede un aiuto con un contributo massimo di 100mila euro sul 100% delle spese sostenute per l’ammodernamento delle strutture di mattazione bovini, necessarie a garantire anche all’ottenimento delle certificazioni richieste dalla grande distribuzione per la vendita delle carni bovine marchigiane sui mercati nazionali ed esteri. Abbiamo svolto varie riunioni, con i Comuni e con i macellatori, per trovare una possibile soluzione”.

“Noi – concludono da Coldiretti Pesaro Urbino – esprimiamo grande preoccupazione e riteniamo che si debba far di tutto per evitare la chiusura dell’impianto. Invitiamo gli attuali gestori o altri possibili interessati e i Comuni a valutare attentamente ogni possibile soluzione”.

altri articoli