Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Marius presentazione libro Memo Fano

Al via i nuovi corsi di formazione per tutori volontari non accompagnati

corsi tutori minoriANCONA – Dopo il successo del primo ciclo il Garante dei diritti delle Marche attiva una seconda edizione a partire dal prossimo mese di aprile. Previsti moduli fenomenologici, giuridici e psico – socio – sanitari con approfondimento di diverse tematiche. Le domande per l’iscrizione dovranno essere presentate entro il 30 marzo

Al via i nuovi corsi di formazione per tutori volontari di minori stranieri non accompagnati, organizzati dal Garante dei diritti, Andrea Nobili, in base a quanto previsto dalla legge nazionale di settore. Dopo il responso positivo del primo ciclo, organizzato tra settembre ed ottobre delle corso anno,  anche il nuovo appuntamento si svilupperà attraverso moduli fenomenologici, giuridici e psico – socio – sanitari, andando ad approfondire numerose problematiche, attraverso l’apporto di docenti qualificati e di protagonisti diretti delle esperienze vissute dai minori stranieri.

Le domande per la partecipazione dovranno essere presentate entro il prossimo 30 marzo e già dal mese di aprile sarà avviata l’attività di formazione (tutte le informazioni necessarie saranno pubblicate  nei prossimi giorni sul sito www. ombudsman.marche.it).

Come si ricorderà, sono state più di cento le adesioni all’avviso attivato a luglio dal Garante e che, dopo la necessaria selezione, ha portato alla formulazione dell’elenco affidato al Tribunale per i minorenni, a cui la legge nazionale demanda la tenuta. Una risposta che nelle Marche è stata particolarmente significativa e che ha portato Nobili a parlare di solidarietà e sensibilità capaci di  rendere possibile ed attuabile una tutela di tipo compiuto.

Per la consegna dei diplomi della prima edizione è stata scelta la cornice del Teatro delle Muse, che ha ospitato il sesto “Governing Board Eusair” (Strategia europea per la Regione Adriatico Ionica), nell’ambito del quale il Garante  ha organizzato un confronto diretto con le Autorità di garanzia dei Paesi della Macroregione Adiatico Ionica proprio sui temi dei minori stranieri non accompagnati.

altri articoli