Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Al via l’undicesima edizione della Land Art al Furlo

Fino al 6 settembre, nel bosco di Sant’Anna, nella Gola del Furlo, a cura della “Casa degli Artisti”.

land art al furlo 2020
(da sinistra), Gloria Mei, assessora alla Cultura di Fossombrone, il presidente della Casa degli Artisti, Antonio Sorace; Silvia Cassetta, performer, Yvonne Ekman, ceramista, e il mosaicista Michele Picone; il presidente della Provincia, Peppino Paolini e Sandro Pascucci, direttore del Teatro di Cagli.

FOSSOMBRONE – Prende il via sabato 22 agosto, alle ore 16.30, nel bosco di Sant’Anna, nella Gola del Furlo, l’XI edizione della “Land Art al Furlo”, che quest’anno ha per titolo “Il Cammino dell’Arte”, promossa dalla “Casa degli Artisti” con i patrocini della Provincia di Pesaro e Urbino, della Riserva naturale statale “Gola del Furlo” e del Comune di Fossombrone e la collaborazione dell’Istituzione Teatro Comunale di Cagli e dei Laboratori Permanenti – residenze artistiche della Regione Toscana.

Quello che verrà proposto è un vero e proprio “Cammino” artistico: lungo un sentiero preesistente, tra querce, frassini, acacie, ginestre, verranno depositate piccole piattaforme, “tessere” di 1 metro per 2, dipinte, graffiate, mosaicate, da percorrere a piedi nudi, per camminare sull’arte, circondati dalla natura.

Ad iniziare il “Cammino” saranno 15 artisti selezionati dal curatore Andrea Baffoni, 12 dei quali realizzeranno le piattaforme (Niccolò Amadori, Silvia Cassetta, Silvia Colizzi, Arnhild Kart, Marco Gabriel Perli, Elvio Moretti, Mario Naccarato, Massimiliano Orlandoni, Michele Picone, Sisto Righi, Roberto Sportellini, Antonio Sorace) e tre creeranno le opere in verticale che punteggeranno il cammino, (Giulio Valerio Cerbella, Pippo Cosenza, Yvonne Ekman).

Come spiegato nella conferenza stampa in Provincia dal presidente e fondatore della “Casa degli Artisti” Antonio Sorace e dalla cofondatrice Andreina De Tomassi, l’obiettivo è quello di creare, nell’arco di qualche anno, un percorso ad anello, coinvolgendo circa 100 artisti in un’opera collettiva.

DEVOZIONE ALLA NATURA E ALL’ARTE

“Il percorso a piedi nudi – ha detto Antonio Sorace – è un atto di devozione alla natura e all’arte, un cammino composto da tante “tessere” come un Domino, un gioco collettivo, per costruire una strada colorata, pacifica, libera. Dopo la ‘Tavola dell’Accoglienza’, che tanto successo ha avuto, quando abbiamo banchettato sull’arte, quasi un atto rivoluzionario, oggi chiediamo di calpestarla, l’arte, non per distruggerla, ma per costruire un’appartenenza e invitare alla riflessione”. Per tutta la durata dell’XI edizione, che si concluderà il 6 settembre, all’interno della “Casa degli Artisti”, nella Galleria Elettra, saranno allestite 3 mostre personali: 12 collage di Aurelio Giampaoli, 12 foto in B&N di Dino Mogianesi e un ciclo pittorico/etico di Silvia Paoletti. In esterna, la street artist Simona Zoo affronterà un’opera “sottomarina”. Walter Zuccarini e Armando Di Nunzio continueranno la scultura in progress “Di Anime e di pietra” e si potrà osservare anche l’installazione “Allucinazioni fluide” di Giuliana Tomassoli.

“E’ per noi una fortuna – ha evidenziato l’assessore alla Cultura del Comune di Fossombrone Gloria Mei – avere nel nostro territorio la Casa degli Artisti: è l’ultimo spicchio di un bel cerchio che la città offre a tutti gli appassionati di cultura. Fossombrone  ha infatti un’offerta storico culturale che copre tutti i secoli, tante bellezze che quest’anno sono state scoperte da un numero crescente di visitatori: nel mese di luglio i nostri musei hanno triplicato le presenze rispetto al 2019 e la prima quindicina di agosto le hanno quintuplicate”.

L’ASPETTO RESIDENZIALE

Altra novità nel programma di questa XI edizione: insieme ai Laboratori Permanenti della Regione Toscana e con l’Istituzione Teatro Comunale di Cagli, sabato 22 agosto alle ore 21.15, al Teatro comunale di Cagli, verrà proposto in prima nazionale “Un tè per due Regine”, atto unico per la regia di Francesco Suriano, con Caterina Casini e Marilù Prati (ingresso 5 euro, prenotazione a: www.liveticket.it; 0721 781341).

“L’aspetto residenziale – ha detto il direttore artistico dell’Istituzione teatro comunale di Cagli Sandro Pascucci – accomuna il nostro Teatro con la Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo: entrambi sono luoghi dove gli artisti per brevi periodi si incontrano e lavorano. Residenze teatrali e residenze artistiche, mi piace declinare il termine ‘residenza’ in ‘asilo’, inteso come asilo culturale, sociale, ‘luogo senza diritto di cattura’. Le Marche hanno la più alta densità di teatri storici recuperati, circa 70, è necessario che questi luoghi siano abitati innanzitutto dagli artisti. Da 22 anni al teatro di Cagli facciamo questo lavoro”.

PROGRAMMA DI SABATO 22 E DOMENICA 23

Nei giorni di sabato 22 e domenica 23 agosto l’accesso al “Cammino dell’arte” e alla “Galleria Elettra” sarà solo per gli associati alla “Casa degli Artisti” (la tessera, del costo di 10 euro, è valida un anno e si può acquistare direttamente sul posto). Necessario dotarsi di mascherina, all’ingresso si provvederà alla misurazione della temperatura e alla registrazione dei presenti.

Sabato 22 agosto il “Cammino dell’Arte” inizierà alle 16.30, illustrato da Andrea Baffoni. I partecipanti saranno accompagnati nel percorso dalla fisarmonicista Manuela Marinacci, esperta in musica popolare europea. Domenica 23 agosto, alle ore 17 visita guidata del “Cammino dell’Arte” e alle ore 18.30 videoconferenza del vicepresidente della “Casa degli Artisti”, Elvio Moretti, sul tema: “Vedute di Paesaggi nella storia dell’Arte”. A seguire, presentazione del Catalogo e illustrazione del “diario” del convegno tenuto al “Macro” di Roma nel 2019.

 

INFO: Casa degli Artisti, Sant’Anna del Furlo 30, Fossombrone (PU), www.landartalfurlo.it

altri articoli