Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

A Fano il pranzo della domenica si fa solidale

Domenica 13 giugno torna il secondo appuntamento con l’iniziativa “Domenica è sempre Domenica”.

pranzo solidaleFANO – Secondo appuntamento mensile domenica 13 giugno con la mensa domenicale organizzata dalla Caritas diocesana e dalle parrocchie della vicaria di Fano per la preparazione e distribuzione di pasti da asporto che verranno consegnati alle famiglie in difficoltà seguite dalle caritas parrocchiali.

I pasti vengono preparati nell’arco della mattina dai volontari nella cucina del Centro pastorale, messa a disposizione dal Vescovo, per poi essere distribuiti direttamente alle persone segnalate dalle parrocchie a partire dalle 12.30 circa.

L’iniziativa nasce come segno di vicinanza alle famiglie che vivono in situazioni di disagio e povertà alimentare e che, attraverso l’impegno dei volontari delle parrocchie locali, potranno consumare a casa propria il pasto domenicale.

Nel primo appuntamento di maggio sono stati distribuiti ben 370 pasti, per complessivamente 95 nuclei familiari.

Questa iniziativa va quindi a integrare quella di cui già da anni il nostro territorio beneficia attraverso il prezioso servizio svolto con costanza durante tutto l’anno dalla Mensa per i poveri, gestita dall’Ass. San Paterniano, alla quale si rivolgono tante persone sole e senza fissa dimora che non hanno appunto altro luogo per consumare un pasto caldo.

La pandemia ha fatto però emergere con forza nell’ultimo anno la difficoltà di tante famiglie, soprattutto con bambini, di mettere sulla propria tavola un pasto dignitoso da consumare fra le mura domestiche.

Le caritas parrocchiali hanno visto aumentare le richieste di aiuto e il desiderio di rispondere concretamente ai bisogni incontrati.

Il coinvolgimento delle parrocchie e il sentirsi tutti chiamati a prendersi cura del prossimo ha portato ben 14 volontari, provenienti da 11 parrocchie diverse, a dedicarsi per una domenica al mese all’accoglienza, alla distribuzione dei pasti e alla cura degli spazi, nel rispetto di tutte le normative anti-contagio, perché le persone potessero sentirsi accolte nel miglior modo possibile.

altri articoli