Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

5 e 6 marzo, ad Urbino due giornate sul “parlare contro”

Parlare contro è la lingua di chi non si arrende, di chi resiste e spesso è la parola delle donne

parlare controURBINO – In anticipo sull’8 marzo, come le mimose che sono fiorite a febbraio, Urbino propone l’evento PARLARE CONTRO, in programma per giovedì 5 e venerdì 6 marzo nell’Aula Magna di Lingue e Letterature Straniere, Collegio Raffaello, Piazza della Repubblica.

Qual è il significato di questo titolo? Parlare contro non è il linguaggio dell’odio. è il linguaggio che scaturisce dalla ferita, dal sopruso, dall’umiliazione. è la lingua di chi non si arrende, di chi non si omologa, di chi resiste. è, spesso, la parola delle donne.

Partecipano Vera Gheno, sociolinguista specializzata in comunicazione digitale, autrice di vari volumi tra cui Potere alle parole e Femminili singolari (2019); Tiziana Antonilli, poetessa e vincitrice del Premio “Montale”, autrice di Le stanze interiori (2019); Giada Trebeschi, scrittrice, editrice (Oakmond Publishing) e autrice di saggi e romanzi tra cui L’amante del diavolo (2019), oltre ad Anya Pellegrin (traduttrice, vincitrice del Premio Valeria Solesin) e Giorgio Rizzo (musicista). L’evento, organizzato da Alessandra Calanchi, è rivolto sia a studenti della laurea magistrale, sia alla cittadinanza, collocandosi nell’ambito delle attività della Palestra di Poesia, del Caffè del Sole e dell’iniziativa Torricini Sonori.

Questo il programma dell’evento

Giovedì 5 marzo
Chair: Alessandra Calanchi
Ore 14 – Aula Magna di Lingue e Letterature Straniere Collegio Raffaello, Piazza della Repubblica
Vera Gheno (Potere alle parole, 2019)
Anya Pellegrin Beloved di Toni Morrison

Ore 18
Caffè del Sole, via Mazzini, Urbino
“Palestra di poesia” con Tiziana Antonilli (Le stanze interiori, 2019)

Venerdi 6 marzo
Ore 11 Aula Magna di Lingue e Letterature Straniere Collegio Raffaello, Piazza della Repubblica
Giada Trebeschi La parola alle streghe
A seguire: Giada Trebeschi presenta “Sulla pelle del diavolo”
Giorgio Rizzo percussioni e voce

altri articoli