Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Un bilancio con utile vicino ai 3 milioni di euro per la Bcc Fano

La soddisfazione del presidente Rondina e del direttore Falcioni

bilancio bcc fanoFANO – C’è aria di cambiamento all’interno della Bcc Fano: il decreto legge n. 49/2016 riguardante la riforma delle banche del credito cooperativo ha imposto che le banche si trasformino in Spa ed è per questo che la Bcc Fano ha scelto come sua Capogruppo il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.

“La Capogruppo è stata scelta – ha spiegato il presidente Bcc Fano, Romualdo Rondina – da noi insieme ad altre 144 Bcc italiane un anno fa e contestualmente all’approvazione del bilancio 2016, ha presentato una formale istanza di autorizzazione alla BCE la quale avrà 120 giorni per esaminarla ed eventualmente chiedere delucidazioni. Da quel momento la scelta sarà operativa nel momento in cui ogni banca sottoscriverà il patto di coesione e provvederà mediante una assemblea straordinaria alla quale parteciperanno tutti i soci, a modificare il proprio Statuto Sociale. Tutta la procedura si concluderà entro la fine del 2018”.

E’ stato proprio il presidente Romualdo Rondina a voler rassicurare i 7700 soci, 600 dei quali associati nel corso dell’ultimo anno, che hanno manifestato le proprie preoccupazioni e perplessità riguardo al cambiamento: “I soci temono di non avere più una banca vicina al territorio ma non sarà assolutamente così. Con la riforma non viene fatta piazza pulita dei nostri valori, la Capogruppo fornirà assistenza e capitale alle banche che si trovano in situazione critiche. Inoltre pur dovendo impegnarsi a rispettare indicazioni e coordinamento della Capogruppo le Bcc rimangono autonome. Non muteranno, soprattutto, i nostri principi. Il Testo Unico Bancario prevede inoltre che la Capogruppo debba favorire la mutualità quale principio basilare delle banche di credito cooperativo”.

L’assemblea dei soci di domenica prossima sarà anche l’occasione per i vertici della Bcc di Fano di presentare il proprio bilancio.

“I dati – spiega Giacomo Falcioni, direttore generale Bcc Fano – che la Bcc nonostante le difficoltà legate alla crisi è una banca sana con un utile di esercizio 2017 pari a 2.945.399 euro ed un patrimonio di 99,3 milioni di euro composto da riserve indivisibili: 96,3 milioni di euro, capitale sociale per 1,1 milioni di euro e sovrapprezzo azione di 1,9 milioni di euro. La chiusura del bilancio con un utile vicino ai 3 milioni di euro – ha continuato il Direttore Generale – e con un patrimonio che ha raggiunto i 100 milioni di euro dimostrano che la banca ha saputo affermarsi la strategia giusta per affermarsi. Il numero della clientela è aumentato di circa 1.000 unità rispetto al 2017, raggiungendo un totale di 34.612 e questo anche perché i costi dei servizi sono concorrenziali”.

La modernizzazione della Bcc Fano non riguarda però soltanto la gestione bancaria ma anche la modernizzazione degli sportelli presenti nel territorio: diversi sono stati rinnovati tramite interventi di automazione e tramite l’introduzione di casse automatiche, in particolare nella filiale di Marotta e in quella numero 3 di Fano.

altri articoli