Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Terremoto Centro Italia, le ordinanze non bastano occorre dare fiducia ai tecnici

Gli Uffici Speciali per la Ricostruzione agiscono in modo burocratico

caldarola_terremoto_zona_rossa

ANCONA – L’ordinanza 100 entrata in vigore ieri promette tempi certi per le pratiche e quindi anche per la partenza dei cantieri.

Ma ci sono dubbi sostanziali che i tecnici sollevano: “Alcune delle proposte di modifica fatte da noi e dalle organizzazioni dei tecnici, hanno trovato accoglienza, altri punti sono rimasti inascoltati”.

Il vero problema rimarrebbero invece gli Uffici Speciali per la Ricostruzione che, sottolineano i tecnici: “faranno i controlli travalicando i compiti che l’ordinanza 100 attribuisce loro e ci saranno tagli di contributo a cantieri avviati”.

Il nodo centrale è rappresentato dalla conoscenza diretta delle problematiche legate alla ricostruzione. “Gran parte di chi opera in questi uffici non ha esperienza operativa, sono dei burocrati che hanno paura e devono tutelarsi, e perché ideologicamente ‘odiano i tecnici che sono ricchi e lucrano sulle disgrazie’ (sono parole loro).

Come possiamo pensare – continuano i tecnici – che gente che si vanta del tempo medio di 355 giorni per l’istruttoria di un progetto, perché ci sono le verifiche, le integrazioni, le integrazioni volontarie, date per scontate, come se un progetto non potesse essere approvato com’è in quanto carente per definizione, possa poi fare i controlli in cantiere con competenza e serenamente senza far vedere chi è il più forte?

Una osservazione anche sulle schede del Commissario per l’autocertificazione e sulla responsabilità dei tecnici. “Sono 16 pagine di crocette da riempire che entrano nel merito di tutti gli aspetti dell’edilizia dell’urbanistica e dell’impiantistica. Chi sarebbe sicuro compilando il modello di non sbagliare nulla?

È fondamentale – conclude la nota – dare ai tecnici la responsabilità accompagnata dalla fiducia. Altrimenti qualsiasi modifica o/e nuova ordinanza, non sortirà l’effetto sperato”.

altri articoli