Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Il Premio “Oreste Pessina” a due ex studenti dell’Università di Urbino

premio oreste pessina 2017
Sara Dallasera (terza da destra) e Pietro Mazzarella (secondo da destra)

URBINO – Grande soddisfazione per il Direttore del Dipartimento di Scienze Biomolecolari prof. Orazio Cantoni, per il Presidente della Scuola di Farmacia prof. Gilberto Spadoni e per i docenti relatori delle tesi l’assegnazione a due laureati della Scuola di Farmacia di Urbino di due dei quattro premi di laurea “Oreste Pessina”.

I premiati sono la dottoressa Sara Dallaserra di Pellizzano (TN) (2a classificata), laureata in Farmacia con una tesi dal titolo “La Farmacia dei Servizi: situazione attuale e prospettive future” (relatore prof. Andrea Duranti) e il dottor Pietro Mazzarella di Surbo (LE) (4° classificato), laureato in Farmacia con una tesi dal titolo “La professione del farmacista tra etica e profitto” (relatore prof. Luca Casettari).

Il premio Oreste Pessina, giunto alla sua XVII edizione, era quest’anno destinato a neo-laureati (febbraio 2016 – gennaio 2017) in Farmacia o in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche che avevano sviluppato e presentato una tesi su argomenti collegati all’“Evoluzione della distribuzione del farmaco e dei prodotti della salute nell’attenzione all’innovazione, ai servizi e alle disposizioni normative che regolano l’attività” e che si erano distinti per innovazione, ricerca e merito.

Si tratta di un premio prestigioso, in quanto istituito da Alliance Healthcare Italia (partecipata italiana di Walgreens Boots Alliance, la prima azienda globale a livello mondiale del comparto farmacia incentrata sulla salute e il benessere) e perché organizzato in collaborazione con la Federazione degli Ordini dei Farmacisti (FOFI), cioè l’ente nazionale dei farmacisti iscritti agli ordini professionali, e Federfarma, il sindacato nazionale dei titolari di farmacia.

La speranza e l’auspicio del direttore Cantoni sono che “l’importante risultato raggiunto possa costituire uno stimolo importante per tutti gli studenti della Scuola di Farmacia, in particolare per coloro che si apprestano a svolgere la loro tesi di laurea, e uno spunto di attenzione nei riguardi degli aspetti innovativi legati al farmaco”.

altri articoli