Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

Marche Nord, cerimonia per ringraziare i benefattori durante l’emergenza Coronavirus

Il totale delle donazioni ricevute è stato di 3.213.159,63 euro. Un braccialetto con l'albero della vita per ringraziare i benefattori.

cerimonia_marche_nord_1
L’anfiteatro di Villa Berloni

PESARO – Tre milioni e trecento mila grazie. Il simbolo della gratitudine rappresenta la giornata che Marche Nord ha voluto dedicare ai tantissimi donatori che hanno sostenuto l’ospedale nel corso dell’emergenza sanitaria Covid-19.

L’anfiteatro di Villa Berloni ha ospitato oltre duecento persone, rispettando tutte le norme di sicurezza anti-contagio, a cui l’azienda ospedaliera ha voluto rendere omaggio con un braccialetto ‘Tricolore della Vita’ con la banda con i colori della bandiera italiana e la medaglia a forma di albero della vita , “due simboli che rappresentano il cuore grande del territorio che ha voluto sostenere gli operatori sanitari in un momento molto difficile” – ha spiegato il Direttore Generale di Marche Nord Maria Capalbo – tre milioni di grazie perché ogni euro che è arrivato da singoli cittadini, associazioni, imprese, ci ha permesso dotare l’azienda di tutti gli strumenti e i dispositivi fondamentali per la sicurezza degli operatori e la cura dei pazienti.

Un momento della premiazione con la consegna del braccialetto con il simbolo dell’albero della vita

Abbiamo voluto regalare ai donatori un braccialetto con la medaglia dell’albero della vita, simbolo di nascita e rinascita, un messaggio di speranza per l’intera comunità che è stata travolta dal virus.

Per questo non possiamo che dedicare questa iniziativa alle vittime e alle loro famiglie. Il nostro pensiero va alle tante persone che ci hanno lasciato e alle loro famiglie che non hanno potuto dargli l’ultimo saluto”.

“Sono stati mesi difficili – spiega il presidente della regione Marche Luca Ceriscioli – ma la risposta del territorio, dai cittadini, le associazioni, il tessuto sociale ed economico, è stata incredibile.

L’intervento di Emanuela Scavolini

Conosciamo bene lo spirito che ha sempre contraddistinto la nostra comunità e questi gesti, anche i più piccoli, hanno aiutato tutto il sistema a uscire dai momenti più difficili”.

La direzione, con il direttore sanitario di Marche Nord Edoardo Berselli e il direttore amministrativo Antonio Draisci, hanno presentato i donatori per la consegna del bracciale ideato per Marche Nord ed elencato tutte le attrezzature acquistate nel corso di questi mesi grazie ai fondi raccolti.

Tra le autorità presenti a Villa Berloni anche il sindaco di Pesaro Matteo Ricci e il sindaco di Fano Massimo Seri, il prefetto e tutte le autorità civili, religiose e militari.

Il totale delle donazioni ricevute è di € 3.213.159,63. Così suddivise:
– donazioni in tecnologie: € 1.087.393,65
– donazioni di beni: € 77.667,49
– donazioni di denaro: € 2.048.098,49

La torta realizzata per l’occasione

La donazione in denaro più cospicua è quella raccolta da ‘Insieme per Marche Nord’, l’associazione creata da Emanuela Scavolini, Franco Signoretti e Alessandra Baronciani, che con le sue tremilacinquecento adesioni tra privati cittadini, associazioni e imprese, ha contribuito con oltre un milione e mezzo di euro.

“Ringraziamo tutti quelli che hanno voluto sostenere questa iniziativa – spiega Emanuela Scavolini – tantissimi i privati cittadini che hanno voluto supportare l’ospedale e gli operatori sanitari in un momento così complicato come quello del picco dell’epidemia. Tutti noi abbiamo visto l’abnegazione dimostrata nella cura della comunità e dei pazienti”.

Ad intervenire anche il presidente di Confindustria della provincia Mauro Papalini: “Questa giornata importante rappresenta il cuore grande del nostro territorio che nei momenti di bisogno sa essere coeso. Quello che hanno fatto gli operatori sanitari tutti non lo dimenticheremo”.

Il braccialetto con il simbolo dell’albero della vita

Le attrezzature e i dispositivi medici acquistati direttamente donati dalle imprese sono tanti. Tra questi:
–      N.10 respiratori V800 – ventilatori polmonari che sostituiscono la funzione respiratoria del paziente, posizionati nella Rianimazione
–      N. 5 respiratori T60 –ventilatori polmonari che supportano il paziente nell’atto respiratorio. Tutti posizionati nelle 4 rianimazioni covid create durante il picco dell’epidemia.
–      N. 2 Ventilatori polmonari V60 – Ventilatori polmonari per il supporto non invasivo dell’atto respiratorio del paziente. A disposizione del Pronto Soccorso
–      N.1 Centralina + 9 monitor per la Murg, reparto di Medicina d’Urgenza in cui venivano realizzate le cure ad alta intensità per pazienti covid. E’ fondamentale per il monitoraggio dei parametri vitali (frequenza cardiaca, saturazione, pressione…) e centralizzazione del monitoraggio nella postazione di guardiola infermieristica.
–      N. 20 letti per il reparto di Rianimazione – letti per le cure ad alta intensità, con diverse sezioni movimentabili elettricamente, dotati di supporti per il posizionamento delle principali apparecchiature a supporto monitoraggio delle funzioni vitali del paziente
–      N.2 Tecnostrutture per il pre-triage dei pronto soccorso dei presidi ospedalieri dell’azienda ospedaliera Marche Nord.
–      N. 6 monitor defibrillatori LIFEPAK 15 per il monitoraggio e la rianimazione della funzione cardiaca dei pazienti – sono stati posizionati nel D.E.A. (in particolare nei Pronto Soccorsi dei presidi di Pesaro e Fano)
–      N. 2 Ecografi Logiq e R8 w n.1 Ecografo Venue GO Point of Care Ultrasound System – Ecotomografi portatili per indagini ecografiche effettuate sul paziente direttamente al posto letto. Posizionati nel DEA
–      N. 3 sanificatori di aria e materiale di consumo per n°15/24 mesi – a disposizione di diverse strutture operative
–      47 tablet – sono stati strumenti importanti per le comunicazioni tra i pazienti e i familiari e tra i parenti e i medici.

Inoltre, sono state tantissime le donazioni da parte di privati direttamente interessati all’acquisto dei dispositivi di protezione individuale per la sicurezza degli operatori sanitari:
–      70 mila mascherine di ogni formato
–      500 visiere
–      3000 cappellini
–      1000 copriscarpe
–      3700 tute monouso
–      25 caschi respiratori
–      10 mila camici in tnt
–      Gel disinfettanti mani

Ognuno ha donato quello che poteva e ha contribuito ad allietare le giornate di medici ed infermieri. Un ringraziamento ai tantissimi bar, ristoranti e privati cittadini che hanno portato le pietanze già cucinate direttamente ai reparti per ristorare gli operatori sanitari dalla colazione alla cena. Grazie alle imprese che ci hanno consegnato i loro prodotti: dal caffe, alle circa 4 mila uova di pasqua, alle colombe. Fino alle vacanze o alle gite in barca a vela.

Un ringraziamento particolare va alla ConfCommercio di Fano e a Villa Montefeltro per la realizzazione dei bracciali ‘Tricolore della Vita’.

altri articoli