Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Il Giornale del Metauro

L’Assessore Paolini sull’ex Molino Albani: “Mai nessuna mozione da parte dell’opposizione”

marco paolini dragaggio portoFANO – Sono partiti in questi giorni i lavori nell’area dell’ex Molino Albani e per sgombrare il campo da alcune inesattezze apparse sulla stampa e sui social (inerenti non solo all’area citata ma anche ad altre analoghe), interviene l’assessore all’Urbanistica Marco Paolini.

SONO AZIONI GIA’ PREVISTE NEL PIANO REGOLATORE DEL 2009

“Le previsioni attuate e in attuazione di comparti commerciali oggetto del dibattito in questi giorni (ex Molino Albani, ampliamento Fanocenter, interventi su viale Piceno) – spiega l’assessore – sono frutto del piano regolatore del 2009 e in quanto tali assumono interesse pubblico. Un’amministrazione non può ostacolare l’attuazione degli interventi previsti ed in iter di attuazione altrimenti, prevedendo varianti per il declassamento delle aree, aprirebbe le porte a contenziosi dall’esito incerto e, sicuramente, esporrebbe il comune a danni erariali”.

“E’ bene sottolineare – afferma Paolini – che in questo mandato amministrativo, nessuna forza politica d’opposizione ha presentato mozioni o risoluzioni specifiche volte a vincolare la giunta a varianti che cancellassero i comparti commerciali sopracitati.

“Appare evidente quindi – riprende l’assessore – che le critiche mosse oggi all’Amministrazione Seri siano infondate e strumentali in vista della tornata elettorale visto che in quasi 5 anni non è stato presentato nessun documento ufficiale specifico”.

LA TUTELA DELLO STABILE E L’OK DELLA SOPRINTENDENZA

“Anche su questo tema – precisa Paolini – ciò che regola la trasformazione urbanistica è il piano regolatore vigente. Nel piano è prevista la trasformazione dell’area con abbattimento del manufatto preesistente, ed è presente anche una scheda di dettaglio per l’intervento. Lo scorso 23 gennaio la stessa Soprintendenza, in seguito ad un sopralluogo, ha reso un parere motivato con il quale decide di non attivare l’azione di tutela del manufatto, dando di fatto via libera all’abbattimento, salvo chiedere alla proprietà di fornire una adeguata documentazione dello stato dei luoghi, utile alla ‘conservazione della memoria’.

Anche su questo punto – conclude l’assessore -, nessuno ha proposto mozioni o risoluzioni in consiglio comunale per una variante urbanistica per conservare il manufatto esistente. Azioni di sensibilizzazione sulla tutela avrebbero dovuto essere decise prima dell’adozione del Prg”.

altri articoli