Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Esposizione Filiera biologica marche

Dal calcio al calcio a 5, Severi: “Vorrei portare la Buldog ancora più in alto”

Intervista di Simone D'Andrea al laterale della Buldog Lucrezia

samuele_severi_buldog_lucreziaLUCREZIA – Samuele Severi è il laterale della Buldog, campione del campionato nazionale di Serie B.

Cosa ha rappresentato per te questa vittoria?
Per me questa vittoria è la realizzazione di un sogno. Mai avrei pensato di arrivare con la squadra del mio paese ad un livello tanto alto.

Quali sono state le insidie del campionato?
Nessuno credeva in noi ad inizio anno, abbiamo subito smentito chi non ci riteneva all’altezza. La seconda difficoltà sono stati i tanti infortuni che ci hanno colpito durante la stagione.

Quando avete capito di avere una marcia in più?
In realtà non ci siamo mai sentiti superiori ai nostri avversari e credo che questa sia stata la nostra arma vincente.

Dal calcio al calcio a 5. Spiegaci i motivi di questo cambio.
A sedici anni ho vissuto una buona stagione in Promozione ma l’anno successivo alcune incomprensioni con la società e l’allenatore mi hanno portato nel fantastico mondo giallo-blu.

Quali sono state le difficoltà?
Quando entri in una nuova squadra e cambi sport le insidie sono tante. La voglia, la determinazione e la mia grinta mi sono state molto di aiuto.

Prodotto del vivaio della Buldog, ti sei affermato in Serie B, ora dove vuoi arrivare?
Grazie ad Elia Renzoni che mi ha lanciato subito in prima squadra anni fa, ho avuto l’opportunità di assaporare dall’inizio il calcio che conta. Personalmente non sono uno che si accontenta, con il duro lavoro mi piacerebbe portare la Buldog ancora più in alto.

Per il prossimo campionato a quali traguardi punti?
Ancora non ci ho pensato, ora penso a finire bene questa stagione. Il prossimo campionato sarà duro e dovrò subito adattarmi ai ritmi di gioco.

Vuoi ringraziare qualcuno?
In primis la società, il mister Osimani ed i miei compagni per questa magnifica cavalcata. Un grazie a Filippo Zenobi e Marco Rondina per i loro continui stimoli ed infine un ringraziamento speciale alla mia famiglia ed alla mia fidanzata.

altri articoli