Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

BCC FANO POS

“Camposaz 10:10 – Terre Terremotate” fa tappa nelle Marche

camposaz terre terremotateSAN GINESIO (MC) – Camposaz, il workshop internazionale di progettazione ed autocostruzione in legno, in scala 1:1, di oggetti architettonici pensati per interagire con il paesaggio circostante, dal 7 al 16 luglio farà tappa nelle terre terremotate del Centro Italia, nello specifico nelle Marche, a San Ginesio, piccolo comune nel territorio maceratese duramente colpito dal sisma. L’iniziativa “Camposaz 10:10” è promossa da Camposaz, Comune di San Ginesio, Rotary Club, scuola superiore “Renzo Frau”, Collettvo “Re-Public” e Associazione Culturale “Bastione Sangallo” di Fano.

Camposaz workshop 1Il workshop “Camposaz 10:10 va ad operare in un territorio sofferente, da un punto di vista architettonico e sociale, per i recenti terremoti che hanno colpito tutto l’arco dell’Appennino Umbro-Marchigiano. L’idea, ambiziosa ma al contempo estremamente stimolante, che l’associazione Camposaz ha deciso di sostenere e contribuire a realizzare, nasce dalla mente del giovane architetto marchigiano Laura Alesi di Fossombrone (PU), partecipante al workshop tenutosi la scorsa estate a Canal San Bovo – con lo scopo di tentare di innescare nel piccolo borgo di San Ginesio, all’interno del parco dei Sibillini, un processo di rivitalizzazione dello spazio pubblico in grado di coinvolgere e aggregare attorno ad esso la comunità locale.

Camposaz workshopNello specifico, il laboratorio prevede il coinvolgimento di dieci giovani progettisti, tra architetti, paesaggisti e designer, con diversa provenienza e professionalità, selezionati mediante un bando internazionale, che per circa dieci giorni vivranno a San Ginesio a stretto contatto con i luoghi e gli abitanti. In questo breve lasso temporale i giovani professionisti progetteranno e realizzeranno una struttura destinata alla valorizzazione di un determinato ambito urbano e sociale, grazie anche alla partecipazione di alcuni studenti della scuola superiore di design “Renzo Frau”. La necessità individuata, e concordata con popolazione ed amministrazione, è quella di realizzare un palco e servizi correlati da posizionare nella piazza del paese, destinato principalmente a concerti ed esibizioni di compagnie di teatro. Il workshop vuole non solo promuovere l’interazione di varie professionalità e l’impiego di materiali di origine sostenibile, ma anche valorizzare lo spazio urbano ed il paesaggio limitrofo dal punto di vista architettonico e aggregativo, per portare un segno tangibile e significativo in una delle zone colpite dal terremoto, cercando di risollevare anche l’attenzione mediatica verso questi luoghi.

Le realtà che sostengono l’iniziativa

Camposaz, nato nel 2013 nella valle di Primiero (TN) grazie alla collaborazione tra diversi professionisti e associazioni culturali tra cui: Aguaz, Collapse a.p.s e Campomarzio Associazione a.p.s., per poi diventare associazione nel 2016. Oggi Camposaz, itinerante in tutta Europa, organizza workshop in Italia e all’estero, affrontando diverse tematiche contemporanee strettamente connesse con il contesto urbano, sociale, paesaggistico in cui si realizzano i progetti. In particolare, saranno tre aziende della valle trentina (Bettega Legnami, B&B Legno e Paccagnel Legnami, con il patrocinio dell’Associazione Artigiani di Primiero), dimostratesi fin da subito sensibili all’iniziativa, a mettere a disposizione gratuitamente il legno necessario alla realizzazione dell’opera, circa sette metri cubi di segati in legno di abete e larice.

Associazione di Promozione Sociale Collettvo “Re-Public” di Fano, dal 2013 si occupa di indagine urbana, analisi, riutilizzo e riqualificazione del territorio, organizzando eventi, concorsi, festival, ed azioni di vario tipo finalizzate a portare interesse sui luoghi da ripensare nella città di Fano, con grande attenzione anche alle realtà limitrofe, dalla vicina Pesaro all’intera Regione Marche. Partner dell’iniziativa “Camposaz 10:10, collabora attivamente alla gestione del Bastione Sangallo.

Associazione Culturale “Bastione Sangallo” di Fano, nasce nel 2015 dall’unione di una serie di associazioni assegnatarie di un bando comunale di gestione del monumento Bastione Sangallo. Si occupa della direzione artistica e tecnica degli spazi, dell’organizzazione di rassegne, eventi, mostre, presentazioni ed interventi culturali di varia natura prevalentemente all’interno degli spazi del baluardo fanese. Partecipa inoltre come partner ad una serie di iniziative culturali a livello provinciale e regionale, come spettacoli teatrali, di danza, concerti, reading e festival. Fin da subito, l’Associazione Culturale Bastione Sangallo si è posta l’obiettivo di non lasciare sole le popolazioni colpite dal terremoto, di accompagnarle nella ricostruzione e, dopo aver attivato ben due raccolte fondi per esprimere vicinanza e solidarietà alla città di San Ginesio e al Teatro Giacomo Leopardi, con “Camposaz 10:10continua a farlo con tutte le proprie forze.

Info:
www.camposaz.com
www.comune.sanginesio.mc.it
www.re-public.it
www.bastionesangallo.com

altri articoli