Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro

Esposizione Filiera biologica marche

Spaccio di droga a Fossombrone, la minoranza sollecita la Giunta Bonci

droga_spaccio_chiarabilli_cipriani
I consiglieri di minoranza Elisa Cipriani e Michele Chiarabilli

FOSSOMBRONE –  “In questo ultimo periodo – affermano Michele Chiarabilli ed Elisa Cipriani consiglieri di minoranza della Lista Unione per Fossombrone –  la stampa locale è tornata più volte su un argomento certamente non edificante per la nostra città e cioè lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti.

Secondo i dati emersi dalle operazioni di polizia, Fossombrone sarebbe diventata, molto di più di quanto lo sia stata nel passato, un centro di diffusione di tali sostanze.

Nel giro di alcuni mesi sono stati chiesti e sequestrati dalla Magistratura sia il bar del popoloso quartiere PEEP-Montecelso, sia il Centro polivalente per anziani di via La Speranza, la cui riapertura è stata rinviata per l’improvvisa morte di Gabriele Radi, uno dei volontari che avrebbe provveduto al funzionamento del Centro stesso; poi le indagini hanno coinvolto nei giorni scorsi anche altri esercizi pubblici.

Le chiusure avevano portato però anche all’arresto di alcune persone, così come quella di poche settimane fa e alle segnalazioni e denunce di pochi giorni fa.

L’allarme per il fenomeno droga – continuano Chiarabilli e Cipriani – è dunque altissimo e non riguarda più solo le forze dell’ordine, ma tutta la comunità forsempronese. Ciò che più colpisce in queste vicende è la presenza sempre più massiccia di minorenni sia come spacciatori che consumatori.

E’ proprio partendo da queste considerazioni che il nostro gruppo consiliare “Unione per Fossombrone”, interprete della crescente preoccupazione di tante famiglie e nell’ambito della ripetuta offerta di collaborazione rivolta alla maggioranza, ha presentato in data 23 novembre una specifica mozione consiliare che impegna il sindaco a presentare in commissione e poi in consiglio comunale delle precise proposte operative per tentare di almeno arginare il fenomeno o, come si usa dire, ridurre il danno.

Questa volta, a differenza di altre pur importanti mozioni da noi presentate e dalla maggioranza grillina respinte, come quelle della valorizzazione delle marmitte dei giganti, del potenziamento della biblioteca, della commissione di indagine sullo scandalo delle bare abbandonate e così via, la mozione sul problema delle droghe è stata accolta nel Consiglio Comunale del 30 novembre.

Da allora – concludono i consiglieri di minoranza – attendiamo la convocazione della commissione consiliare per ascoltare le proposte che verranno presentate dal Sindaco o dall’assessore competente per poi far conoscere le nostre. Ci auguriamo che ciò avvenga quanto prima”.

altri articoli