Il Metauro
notizie dalla valle del Metauro
Galleria Auchan Fano

Con il concerto di Christian Tarabbia cala il sipario sulla rassegna Castelli d’aria

Nella Basilica di San Paterniano domenica 24 settembre l’ultimo concerto dell’XI rassegna organistica della Valmetauro.

Christian Tarabbia concerto organo fanoFANO – Con il concerto di Christian Tarabbia si conclude Domenica 24 settembre (ore 21), nella Basilica di San Paterniano a Fano, la XI edizione di Castelli d’aria, la rassegna organistica che tocca nel suo cartellone itinerante i piccoli centri della Valmetauro.

Con 7 concerti nel territorio, la rassegna disegnata da Giovannimaria Perrucci ha proposto le più belle pagine di musica per organo nelle chiese storiche della Valmetauro ed ora approda per l’ultimo appuntamento a Fano.

Castelli d’aria – organizzata dall’Associazione il Laboratorio Armonico, in collaborazione con i Comuni di Cagli, Fano, Fratte Rosa, Mombaroccio, San Costanzo e Terre Roveresche, la Provincia di Pesaro e Urbino, il Fano Jazz Network, la Diocesi di Fano, Fossombrone, Cagli e Pergola – si ricollega infatti, idealmente e non solo, al blasonato festival dei Concerti d’organo, che si tiene ogni anno nel mese di agosto nella Chiesa di Santa Maria Nuova; il più antico dei festival italiani giunto alla sua 56esima edizione e diventato di rinomanza internazionale e punto di riferimento per la carriera dei giovani organisti europei.

Una realtà che cresce dunque e che prosegue un’operazione culturale straordinaria. “Grazie a questi concerti infatti – dice Giovannimaria Perrucci – non solo è possibile ascoltare i migliori organisti internazionali impegnati a proporre pagine straordinarie di musica ma riscoprire Chiese e luoghi del territorio e soprattutto valorizzare l’inestimabile patrimonio degli organi storici della nostra provincia”.

Il concerto di domenica propone musiche di Scheidemann, Merula, Haendel e Bach e verranno eseguite da Christian Tarabbia su un organo Callido del 1775.

Uno strumento straordinario che consentirà a Tarabbia – interprete piemontese giovane, ma già apprezzato a livello internazionale – di proporre tutta la sua abilità tecnica ed interpretativa.

Il concerto di domenica chiude dunque un’altra stagione di successo. “Castelli d’aria – dice Giovannimaria Perrucci – è ormai una realtà consolidata ed un felice esperimento che contiamo di proseguire ed ampliare per valorizzare non solo strumenti straordinari ma anche luoghi di rara bellezza”.

L’ingresso è libero e gratuito.

altri articoli