Deceduta la plurilaureata Adriana Iannilli

personaggi / regione / urbino

Adriana Iannilli tra il sindaco Franco Corbucci e l’allora rettore Stefano Pivato in occasione della sua laurea in Scienze Giuridiche, il 23 giugno 2011

PESARO – I media di tutto il mondo, dal Giappone al Sud America, avevano parlato di lei e dell’Università di Urbino, quando nel 2011 la sua laurea in Scienze Giuridiche conseguita alla Carlo Bo all’età di 95 anni si andò ad aggiungere a quelle in Consulente del lavoro e in Economia, conseguite sempre nell’ateneo feltresco dopo le Scienze Politiche alla Tuscia di Viterbo e le Lingue Orientali a Napoli.

Un punto non di arrivo, per lei che continuava a studiare e a progettare nuovi traguardi accademici e professionali dopo una vita spesa come consulente del lavoro.

La pluridottoressa Laura Iannilli se n’è andata il 14 dicembre, pochi mesi dopo il suo centesimo compleanno, all’Ospedale di Riccione dove era stata ricoverata per un’insufficienza respiratoria. Stefano Pivato, che in veste di Rettore l’aveva cinta dell’ultima corona d’alloro, ha ricordato “La sua instancabile voglia di apprendere. Aveva varcato il secolo ma conservava lo spirito di una matricola”.

Altri articoli

Conferenza dei sindaci, defezioni del PD e bocciatura del piano di riordino dell...
Crisi occupazione alla TKV: l'Alleanza delle Cooperative vuole salvare i posti d...
Bocce, il 35° Premio Marche al Teatro del Trionfo di Cartoceto
Urbino, rubavano energia elettrica dai contatori dei vicini
Ad Urbino, incontri sull'immigrazione
Mozione sulla Ferrovia Fano-Urbino, la posizione del consigliere Boris Rapa
Promozione turistica e terremoto, le Marche nella vetrina di Sanremo


condividi
facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

seguici
facebooktwitterrssfacebooktwitterrss

Tags: ,


© RIPRODUZIONE RISERVATA